Di Marzio: “La risposta viola a Salah: possibile ricorso alle vie legali”

Di Marzio: “La risposta viola a Salah: possibile ricorso alle vie legali”

Il giornalista di Sky Sport ricostruisce la vicenda e delinea i possibili scenari futuri.

di Redazione VN

Delusione e, al contempo, la ferma volontà di far valere la propria posizione. La Fiorentina, dopo la mancata risposta da parte di Salah dopo l’incontro avvenuto ieri (il termine, come vi abbiamo riportato, era fissato alle ore 20) studia il da farsi. La linea che filtra dal club viola è chiara: in serata non arriverà alcun comunicato sulla situazione del calciatore. Data la mancata risposta dell’attaccante egiziano, la dirigenza riterrà automaticamente esercitato il rinnovo del prestito e presto invierà allo stesso Salah la convocazione per il ritiro della squadra di Paulo Sousa (arrivato oggi a Firenze) previsto a Moena. Il calciatore dovrebbe aggregarsi ai compagni intorno al 12-13 luglio e non martedì insieme ai compagni, in quanto impegnato con la propria nazionale nei giorni scorsi.

Una situazione che, in attesa di ulteriori aggiornamenti, rischia comunque di diventare delicata. Probabile che società e giocatore vadano al muro contro muro, e non sono escluse nemmeno le vie legali. La Fiorentina, da una parte, delusa e mareggiata per non aver ricevuto nemmeno una risposta dopo gli sforzi economici importanti fatti nell’incontro di ieri per andare incontro alle richieste dell’egiziano, e che considera valido il rinnovo del prestito dal Chelsea, visto anche che i documenti sono già stati depositati; dal canto suo, Salah potrebbe addirittura ricorrere alla FIFA per dichiarare di non aver mai sciolto il veto e di non aver dunque accettato di restare a Firenze, mirando dunque a un ritorno al Chelsea in attesa degli scenari futuri.

Una situazione complicata, da risolvere al più presto: Fiorentina-Salah, pronto il braccio di ferro. L’estate viola si accende sempre di più.

(gianlucadimarzio.com)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy