De Siervo: “Stadi? Troppa burocrazia, con questi paletti non avremmo avuto il Louvre”

Le parole del manager in merito allo stallo sugli stadi in Italia

di Redazione VN
luigi-de-siervo

Come riportato da l’ANSA, l’ad della Lega Luigi De Siervo è stato ospite a “Campioni del mondo” su Rai Radio2. Durante la lunga intervista interessante un passaggio riguardante la Fiorentina. Il manager ha infatti affrontato il tema dell’importanza delle altre fonti di introito per le società di calcio, soprattutto gli impianti, sottolineando che l’Italia resta molto indietro.

Gli impianti, gli stadi, se adeguati e moderni sono una linfa vitale, aumentando il tempo e la spesa che gli spettatori e tifosi dedicano all’evento partita. La speranza di tutto il mondo dello sport è che si vada al di là dei grandi eventi per superare i cavilli della burocrazia. I nostri impianti non sono adeguati e rischiano di rimanere vuoti anche alla riapertura. In questo momento di fermo si poteva aprire una riflessione e cercare un cambiamento, ma invece abbiamo visto ad esempio la risposta interlocutoria dei Beni culturali alla Fiorentina. Con questo atteggiamento, non avremmo mai visto nascere una piramide al Louvre, invece pensiamo si possa intervenire anche su una grande opera per renderla funzionale alle esigenze moderne.

 

Messaggero: Petrachi vince la causa contro la Roma. La Fiorentina lo corteggia

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy