Cecchi Gori non molla dopo la sentenza: “Una bischerata, mi devono dare 400 mln”

“Quella causa taglia la testa al toro di un fallimento che non ci doveva essere”, aggiunge l’ex presidente della Fiorentina

di Redazione VN

“Una bischerata, mi devono dare 400 milioni di euro e quella causa taglia la testa al toro di un fallimento che non ci doveva essere”. Così Vittorio Cecchi Gori, ex presidente e proprietario della Fiorentina, raggiunto telefonicamente da ilsitodifirenze.it, commenta la sentenza del tribunale civile di Firenze che lo ha condannato a pagare 19 milioni di euro di risarcimento danni per il crac della società viola nel 2002. “Speriamo di non dover pagare 20 milioni – ha aggiunto Cecchi Gori – ma che ce ne diano 400”. CLICCA QUI PER I DETTAGLI DELLA SENTENZA

Corvino, Pradè e le pianticelle: se il raccolto vale (almeno) quanto la semina

Sentite Di Francesco: “Il primo gol della Fiorentina è stato irregolare”

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. fornamas63 - 1 anno fa

    Da Repubblica per tutti i nostalgici del personaggio:
    “Secondo quanto scrivono i magistrati, tra il 1998 e il ’99 la Fiorentina sarebbe stata usata dall’imprenditore come una sorta di cassa continua a cui attingere per tamponare la crisi del suo gruppo. I 67 miliardi di lire di prestito ottenuti da Merril Lynch, ottenuti grazie a crediti futuri derivanti dalla vendita degli abbonamenti allo stadio fino all’anno 2010, sarebbero stati dirottati verso altre società che versavano in cattive condizioni. “Seguì poi – si legge nella sentenza – un periodo di progressivo indebitamento e maturò un ulteriore debito di 180 miliardi che venne risolto dagli amministratori con la cessione pro solvendo dei diritti verso la Lega calcio conseguenti alla vendita dei giocatori Toldo e Rui Costa”.

    Dopo un aumento di capitale di 25 miliardi, per i magistrati “la situazione continuò a precipitare”. Tanto che alla fine restò un debito di 20 miliardi di lire, che impedì alla squadra di raggiungere i parametri di bilancio necessari per l’iscrizione al campionato di serie B, con un conseguente effetto domino che portò la squadra al fallimento. Per i giudici fiorentini “l’ideazione delle operazioni fu di Vittorio Cecchi Gori”: per questo motivo il tribunale gli ha inflitto un risarcimento record pari a 19 milioni e 75 mila euro. “Faremo appello – ha commentato l’avvocato dell’ex patron viola”

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Luxor - 1 anno fa

    Li riavrà…sicuramente :)))

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy