Calamai: “Obiettivo salvezza prioritario. Ribery? Campione avvolto dal vuoto”

Il parere del noto giornalista

di Redazione VN

Luca Calamai, prestigiosa firma de La Gazzetta dello Sport, ha parlato ai microfoni di Radio Bruno:

Calo Ribery? Alcuni sbagliano a considerarlo un peso, non è così. Il francese è un campione che si nutre di sentimenti ed emozioni, ma con la famiglia in Germania e le porte chiuse si è perso. Questo vuoto può averlo mandato in confusione, insieme al problema alla caviglia. Non vedo, in questo momento, un uomo capace di caricarsi sulle spalle la Fiorentina. Dopo la partita di lunedì resto preoccupato, pensavo davvero che questa squadra fosse più forte. Riconosco il mio errore, adesso dobbiamo fare in fretta 40 punti perchè il calendario non scherza.

Castrovilli, tra infortunio e rinnovo. Un periodo delicato con gli Europei che non aspettano

(Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)
2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Tiz973 - 1 mese fa

    Ribery non è in forma, fisicamente o mentalmente, Callejon forse ha un tempo nelle gambe, non c’è offesa nel tenerli in panchina per qualche giornata. Si tratta di giocatori anziani che vanno anche gestiti.
    Se poi il problema è che non ci sono alternative non resta che dare spazio ad Esseric, provare Montiel o cambiare modulo.
    Trovo ridicolo dover sottolineare sempre che Ribery è un fenomeno, la sua carriera è sotto gli occhi di tutti, ma il calcio giocato si basa solo su presente e futuro, del passato se ne fotte.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Rissofiorentino - 1 mese fa

    Di errori ne fai diversi caro Calamai…
    Ondeggi come molti tra l’euforia e la catastrofe.
    La realtà è che questa squadra è da settimo posto o giù di lì. Purtroppo avevamo sbagliato allenatore, non che Prandelli sia il massimo, ma almeno sa impostarla normalmente e mette gli uomini giusti al posto giusto e tanto basta per risalire con buona pace di quelli come te che prima dicevano che eravamo da coppe europee ed adesso dicono che siamo da retrocessione.
    Il calcio è un giochino semplice; ci vogliono giocatori capaci messi nel posto giusto, inoltre bisogna considerare lo stato di forma (Ribery va tolto) e le categorie (Pulgar in confronto a Borja è 3 categorie sotto come intelligenza calcistica inutile insistere su lui non farà mai quello che si chiede ad un regista traiettorie, verticalizzazioni ecc… semplicemente perché non le vede). Prandelli conosce queste cose quindi è chiaro che risaliremo….

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy