Adani: “Il calcio è la mia stella cometa. I gol di Vecino? Niente accade per caso. Chiesa…”

Le considerazioni di Daniele Adani, che ricorda anche i gol segnati in Champions League con la maglia della Fiorentina

di Redazione VN

L’ex difensore della Fiorentina Daniele Adani, oggi commentatore tv su Sky, si è raccontato in una lunga intervista a Fuorigioco. Vi proponiamo alcuni passaggi: “Il mio amore per il calcio? Nasce da una vocazione sin da piccolo, da un rispetto verso il giusto per qualcosa che ami. Mi ha guidato da sempre come una stella cometa e ora sento di restituire qualcosa al calcio. Il calcio sudamericano? Lì la famosa mistica è rivelata. Anche nelle figure storiche che rientrano. Ce ne sono tantissime. Pensate a Milito. Inizia al Racing, va in Spagna, poi Genoa e Inter. Diventa l’eroe del Triplete ma chiude al Racing. E vince pure lo scudetto! Io sento certe cose, tanto che ho segnato all’esordio in Champions sia con la Fiorentina sia con l’Inter. Certe cose non avvengono per caso, come i gol di Vecino contro Lazio e Tottenham. Tutto nasce nel Rio de la Plata. L’Uruguay è il miracolo calcistico del mondo. È grande come la Toscana, eppure ha vinto due Mondiali e due Olimpiadi perché loro hanno la ‘garra’, l’artiglio per lottare alla morte, e hanno discendenze ‘charrua’, una piccola tribù indigena che lottò per secoli contro i colonizzatori della zona. Assolvo quelli che mi hanno insultato dopo Inter-Tottenham, perché sono tifosi delle altre squadre che avrebbero voluto vivere un’emozione simile. La loro protesta era un grido d’amore per il calcio” dice Adani. Infine una battuta sui pochi italiani che giocano in Serie A: “Conta la meritocrazia. Se un italiano è forte gioca, vedi Chiesa e Barella. Non prendiamoci in giro con la storia degli stranieri che tolgono spazio”.

 

vnconsiglia1-e1510555251366

“Complimenti per lo scudetto”: Kalinic tifa Juve… o gufa?

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy