Coppa Italia – La Fiorentina ci riprova, ma il bilancio nella gestione Della Valle è il peggiore di sempre

Coppa Italia – La Fiorentina ci riprova, ma il bilancio nella gestione Della Valle è il peggiore di sempre

I numeri e le statistiche storiche della Fiorentina in Coppa Italia

di Roberto Vinciguerra, @RobWinwar

Torna la Coppa Italia (CLICCA), manifestazione in cui la Fiorentina della gestione Della Valle ha dimostrato spesso una certa difficoltà nell’affrontarla.
I numeri storici e le statistiche, sotto questo aspetto, non lasciano molto spazio a considerazioni positive in tal senso, dato che, a livello di risultati positivi conseguiti in Coppa Italia (cioé gare vinte e pareggiate anche nei minuti regolamentari), l’attuale gestione è la peggiore della storia gigliata, come dimostra la tabella sottostante:
88% risultati positivi (21 su 24 gare) gestione BAGLINI
86% (12 su 14) MELLONI
83% (40 su 48) UGOLINI
83% (15 su 18) BEFANI
83% (54 su 65) CECCHI GORI
76% (56 su 74) PONTELLO
73% (8 su 11)  LONGINOTTI
68% (15 su 22) RIDOLFI
65% (32 su 49) DELLA VALLE
Non solo.
In quella che sarà la 50° gara della Fiorentina dei Della Valle in Coppa Italia, la squadra viola a Torino dovrà soprattutto cercare di evitare all’attuale gestione la 18° sconfitta in questa manifestazione, che eguaglierebbe il record di sconfitte assoluto in una singola gestione della storia della Fiorentina, stabilito durante la gestione Pontello.
Proprio la propensione alle sconfitte della squadra viola in Coppa Italia durante la gestione Della Valle è senza precedenti nella storia della Fiorentina: addirittura il 35% sul totale, contro la media del 20% fino al 2002.
La trasferta di Torino rappresenta, quindi, la possibilità, per la squadra viola, di ridimensionare, seppur leggermente, lo scarno bilancio esterno delle gare disputate dalla Fiorentina in Coppa Italia durante l’attuale gestione, visto che, su 19 partite giocate in trasferta, le vittorie sono state 6 contro le 10 sconfitte.
Questa bassa percentuale di vittorie lontano da Firenze in Coppa Italia (32%) che la squadra gigliata sta conseguendo durante la gestione Della Valle è nettamente inferiore rispetto alla percentuale di successi esterni conseguiti fino al 2002 (39%).
Decisamente peggiore, rispetto al passato, è anche la propensione alle sconfitte esterne della Fiorentina dei Della Valle in Coppa Italia: addirittura più della metà delle gare (53%), rispetto al 30% tenuto dalla squadra viola fino al 2002.
Per quello che concerne il rapporto della Fiorentina dei Della Valle con gli ottavi di finale possiamo notare come la squadra viola abbia superato questo turno 8 volte sui 13 casi in cui lo ha affrontato dal 2004 ad oggi (62% sul totale). In passato, cioé fino al 2002, la percentuale dei passaggi del turno degli ottavi di finale in Coppa Italia era stata abbastanza superiore (70%, cioé 16 volte su 23).
Ricordiamo che l’ultima volta in cui la squadra viola non ha superato gli ottavi di finale di Coppa Italia risale alla stagione 205-16 (Fiorentina-Carpi 0-1).
CLICCA PER LEGGERE IL QUADRO COMPLETO DELLE GARE DEGLI OTTAVI DI FINALE DI COPPA ITALIA

Il calendario della Fiorentina: il 2019 si apre a Torino in Coppa Italia

16 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Luigi Barzini - 4 giorni fa

    Artidoclo PRESENTE in bacheca da DUE SETTIMANE!!!!!!!! Linea editoriale chiarissima! Brava Redazione. Oggi un bell’articolo su Zaniolo?????

    —-

    Può trovare tanti articoli che guardano l’altro lato della medaglia.
    La Redazione.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Horsenoname - 4 giorni fa

      Come mai ce l’hai tanto con la redazione ? Vedo che ad ogni commento non manchi mai di portar le tue critiche per ogni articolo scritto .
      Magari ti ha dato fastidio che abbiano smesso di inumidire il fondo schiena dei padroncini ? A volte le persone aprono gli occhi e vedono chiaramente con chi hanno a che fare , probabilmente ai giornalisti di questa testata è capitato questo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. mannishboy - 5 giorni fa

    Si confrontano dati derivanti da tornei giocati con formule diverse. Una volta si giocavano più partite, cominciando da squadre scarse. Se ne vincevi qualcuna e poi andavi fuori con la prima decente (vedi gestione Pontello) facevi comunque una media migliore con lo stesso risultato di un torneo giocato con le regole odierne

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. folder - 5 giorni fa

      E’ un po’ la solita cosa che fa qualcuno quando contabilizza i piazzamenti europei nell’era DV (o anche antecedenti) quando,fino a qualche anno fa,solo la vincitrice del campionato andava in Coppa dei Campioni;la 2^ e la 3^ in Coppa UEFA e la vincitrice della CI in Coppa delle Coppe!Se ci fossero stati questi ultimi criteri i DV sarebbero i peggiori anche in questa graduatoria!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Marco Chianti - 5 giorni fa

        Senza contare che in molti anni dell’era DV c’è sempre stata qualche grande in crisi. Prima la Juve, poi il Milan, poi entrambe le milanesi. Ogni tanto poteva capitare anche prima ma negli ultimi anni queste debacle delle grandi sono state più frequenti del normale.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Horsenoname - 4 giorni fa

        @folder , con i criteri di piazzamenti che hai elencato negli ultimi 17 anni la Fiorentina non sarebbe mai andata in europa perchè il miglior piazzamento fatto è il 4°posto perciò l’era dei Della Valle ha come indice zero , però a livello di plusvalenze è veramente da Champion League dei taccagni

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Horsenoname - 6 giorni fa

    Redazione non potete inoltrare certi risultati , fate mettere il broncio ai sostenitori dei Della Valle i quali sono convinti che non potremmo avere proprietà migliore . Dal 2001 , zero titoli , miglior piazzamento reale 4° posto , condannati per Illecito sportivo , e svariati anni nel totale anonimato . con un palmares del genere siamo l’invidia della serie A

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. folder - 7 giorni fa

    Aiuto: e ora chi glielo dice a Zachini!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Etrusco - 7 giorni fa

    Zero titoli, è l’ora di cambiare gestione.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Dellone68 - 7 giorni fa

    Proprietà Della Valle. La PEGGIORE IN ASSOLUTO DI SEMPRE. Ci sono poche discussioni su questo punto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. unial5_559 - 1 settimana fa

    Nel calcio si deve investire, possibilmente in Italia, quindi servono capitali freschi che i due marchigiani non hanno nessuna voglia, o non possono, mettere. Questo è il problema, il resto conta poco o nulla. Farsi scappare De Paul per 1-2 milioni come dice la stampa è da poveracci. Oggi vale il doppio. Quindi i due sono pregati, dopo 16 anni, di togliere le tende e andare altrove. Non c’è una via di mezzo. Via i DD.VV. dalla Fiorentina.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Horsenoname - 6 giorni fa

      Ricorda cosa ha detto Conno e Gnigni , “NON CI FAREMO TROVARE IMPREPARATI” De Paul non interessava erano solo voci giornalistiche , mica sono dei poveri pezzenti loro , siamo seri

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. folder - 1 settimana fa

    Ma non mi dite…….ma 29Agosto1926 lo sa?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. lollonovoli - 1 settimana fa

    Eppure c’è ancora chi continua a difenderli..e questo sito non è da meno..poerannoi!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Roberto Vinciguerra - 1 settimana fa

      Fammi capire: scrivi questo commento dopo avere letto questo articolo di Violanews e accusi Violanews di un qualcosa per cui l’hai appena apprezzata?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Leonardo da Vinci - 7 giorni fa

        Perdonali perché non sanno quello che fanno (o che dicono)

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy