A proposito di presidenti della Fiorentina… sapete chi è quello che ha vinto più titoli?

A proposito di presidenti della Fiorentina… sapete chi è quello che ha vinto più titoli?

Un’interessante graduatoria dei presidenti della Fiorentina in base ai trofei ed ai titoli vinti dalla squadra viola durante la loro permanenza al “vertice” della società

di Roberto Vinciguerra, @RobWinwar

Presidenti Fiorentina

Vi siete mai chiesti quale sia il presidente che ha vinto più titoli nella storia della Fiorentina?
In questo articolo, in cui abbiamo anche inserito i piazzamenti più importanti, vi sciogliamo questo dubbio.
Abbiamo considerato nei titoli/trofei vinti (e “sfiorati”) tutti quelli validi per competizioni ufficialmente riconosciute da FIGC e UEFA.
Per completezza abbiamo inserito anche i titoli/trofei vinti nelle competizioni “minori”, intese sia come categoria che come manifestazioni internazionali importanti ma non riconosciute dalla UEFA.
Specifichiamo che abbiamo menzionato solo quei presidenti delle stagioni in cui la Fiorentina ha ottenuto dei risultati importanti o altamente negativi.
NB: la Coppa Italia 1960-61 è “assegnata” ad Enrico Longinotti, in quanto divenne presidente effettivo (subentrando ad Enrico Befani) solo pochi giorni prima della finale di quell’edizione


3 TITOLI

VITTORIO CECCHI GORI
(1993-2002)
– Supercoppa Italiana 1996
– Coppa Italia 1995-96
– Coppa Italia 2000-01
—–
PIAZZAMENTI

– finalista Coppa Italia 1998-99
– 3° posto Serie A 1995-96
—–
ALTRI TITOLI
– 1° posto Serie B 1993-94
—–
RETROCESSIONI
– in Serie B 2001-02

 

2 TITOLI

ENRICO BEFANI
(1951-1961)
– Coppa delle Coppe 1960-61
– Scudetto 1955-56

—–
PIAZZAMENTI

– vice Campione d’Europa 1956-57
– 2 volte finalista Coppa Italia (1958  e 1960)
– 4 volte vice Campione d’Italia (1957, 1958, 1959 e 1960)
– 3° posto Serie A 1953-54

—–
ALTRI TROFEI

– Coppa Grasshoppers 1952-57

 

2 TITOLI

NELLO BAGLINI
(1965-1971)
– Scudetto 1968-69
– Coppa Italia 1965-66
—–
ALTRI TROFEI

– Coppa Mitropa 1966

 

1 TITOLO

ENRICO LONGINOTTI
(1961-1965)
– Coppa Italia 1960-61
—–
PIAZZAMENTI

– finalista Coppa delle Coppe 1961-62
– 3° posto Serie A 1961-62

 

1 TITOLO

LUIGI RIDOLFI
(1926-1942)
– Coppa Italia 1939-40
—–
PIAZZAMENTI
– 2 volte 3° posto Serie A (1935 e 1941)
—–
ALTRI TITOLI
– 2 volte 1° posto Serie B (1931 e 1939)
– Scudetto Riserve 1934-35
—–
RETROCESSIONI
– in Serie B 1937-38

 

 

1 TITOLO

UGOLINO UGOLINI
(1971-1977)
– Coppa Italia 1974-75
—–
PIAZZAMENTI

– 3° posto Serie A 1976-77
—–
ALTRI TROFEI

– Coppa di Lega Italo-Inglese 1975

 

 

NESSUN TITOLO

RANIERI PONTELLO
(1980-1986)
PIAZZAMENTI
– vice Campione d’Italia 1981-82
– 3° posto Serie A 1983-84

 

NESSUN TITOLO

LORENZO RIGHETTI
(GESTIONE PONTELLO)
(1987-1990)
PIAZZAMENTI
– finalista Coppa UEFA 1989-90

 

NESSUN TITOLO

MARIO COGNIGNI
(GESTIONE DELLA VALLE)
(2011-attuale)
PIAZZAMENTI
– finalista Coppa Italia 2013-14

 

NESSUN  TITOLO

GINO SALICA
(GESTIONE DELLA VALLE)
(2002-2004)
ALTRI TITOLI
– 1° posto Serie C2 2002-03

 

NESSUN TITOLO

MARIO CECCHI GORI
(1990-93)
RETROCESSIONI
– in Serie B 1992-93

 

Le verità di Cecchi Gori: “Con me Firenze godeva. Ecco come mi hanno fatto fallire. Chiesa? Incedibile, ma…”

39 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. fiorentina76 - 3 settimane fa

    Ma i 2 trofei vinti quest’estate: la CUP of Traditions e l’Opel Cup non contano???

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. filippo999 - 4 settimane fa

    la gestione DV degli ultimi 3 anni è oscena e non sono mica pochi 3 anni…
    non esistono argomenti logici che possano contrastare un fatto inoppugnabile..
    e non siamo certo in questa condizione perchè se avessimo fatto diversamente ,
    avremmo rischiato il fallimento , come lascia intendere il simpatico buontemponeche si sforza di non capire quello che invece ha compreso benissimo , solo che non ha l’onestà di riconoscerlo…Va da sè che VCG è fuori categoria, per averci fatto fallire . Ma usarlo come alibi per difendere gli attuali proprietari è tra il comico e il puerile .

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. fabrix - 4 settimane fa

    Salve tifosi viola pro e contro DV… diamo un po’ di statistiche sui risultati della Viola, prenderò gli anni dell’era DV (12 anni) togliendo la c2, la B e il primo anni del ritorno in A cioè l’anno dei cattivi pensieri e li confronterò con gli anni precedenti…. :
    dal 05/06 al 17/18 4° 3° 4° 5° 11° 9° 13° 4° 4° 4° 5° 8° 8° media 6,30
    dal 89/90 al 01/02 12° 12° 12° 14° 10° 4° 9° 5° 3° 7° 9° 17° media 9,50
    dal 77/78 al 88/89 13° 7° 5° 5° 2° 5° 3° 9° 4° 10° 8° 7° media 6,50
    dal 65/66 al 76/77 4° 5° 4° 1° 4° 14° 5° 4° 6° 8° 9° 3° media 5,58
    a voi le vostre considerazioni spero che sia stato utile e forza Viola

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Ghibellino viola - 4 settimane fa

      Ti manca il periodo migliore della nostra storia. Befani e Longinotti. Quelli si che erano presidenti. In confronto a loro Cecchi gori e della valle impallidiscono.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. BlandoTifoso - 3 settimane fa

      Questa statistica è piùttosto inutile perchè dagli anni 2000 il calcio italiano è diventato un calcio di serie b rispetto al resto del mondo come investimenti, mentre anni 80-90 era la mecca del calcio i più forti al mondo giocavano tutti in italia quindi erà ovvamente molto ma molto più competitivo e difficile..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. fabrix - 3 settimane fa

        ovviamente ogni confrondo di periodi diversi è puramente matematico è difficile da fare un confronto tra due cose totalmente diverse, ma qui si stava facendo un confronto tra presidenti che hanno vinto di più, però ogni presidente ha incontrato le difficoltà del suo periodo, io ho aggiunto dei punteggi per i piazzamenti. Nel periodo odierno per esempio tolte le tre squadre strisciate è impossibile vincere lo scudetto

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Barsineee - 4 settimane fa

    Dai speriamo finisca come Vittorio. Una coppa Italia quest’anno e poi vendere tutti questa estate e l’anno prossimo portare orgogliosamente la coppa Italia sul petto di giocatori che denunceranno la società perché non paga gli stipendi, la metteranno in mora e finiranno il compleanno ultimi sul campo. Come ciliegina un bel fallimento e via in lega Pro!!! Vincenti e felici. Le statistiche sono come i bikini. Ciò che rivelano è interessante ma ciò che nascondono è più importante. Ah secondo la statistica un umano medio ha una mammella e un testicolo. Corretto no Vinciguerra?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Burlamacchi - 4 settimane fa

    Avete dimenticato gli scudetti del fatturato, quelli del miglior bilancio, ma soprattutto i quarti posti che erano “il nostro scudetto”!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Gasgas - 4 settimane fa

    Giusto, classifica per numero di titoli. Però i titoli hanno un loro peso. Uno scudetto è uno scudetto… Più facile quando non c’è nulla in bacheca, come accade ultimamente…
    Ah ma comunque tieniti pronto ad aggiornare la classifica Vinciguerra, perché Corvino è tornato per vincere…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Ghibellino viola - 4 settimane fa

    Vittorio è il presidente che più ho amato e più ho odiato. È indubbio che trasmetteva emozioni ed era generoso (finché ha potuto). OGGETTIVAMENTE è stato il peggior presidente della storia della Fiorentina.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. bati - 4 settimane fa

    ..anche il coraggio di addebitare a Marione la retrocessione dopo che l’imbecille esonerò radice.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Roberto Vinciguerra - 4 settimane fa

      Ti capisco, ma era Mario Cecchi Gori il presidente

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. bati - 4 settimane fa

        solo formalmente, altrimenti ci si nasconde dietro un filo d’erba. Allora se si vuole seguire strettamente l’ufficialità si accorpano le gestioni in unica : la gestione Cecchi Gori. L’esonero fu deciso individualmente da chi non era presidente (Vittorio) così come l’ingaggio di Agroppi. Le cose vanno raccontate bene perchè molti erano troppo giovani o non c’erano proprio o sono proprio ignoranti. La gente deve sapere la verità. Già a leggere certi commenti c’è da rabbrividire. Poi certe teste vuote e superficiali vedono VCG in cima alla vostra classifica come quello che ha vinto di più. Uno che ha vinto due coppette italia e una supercoppa europea, facendoci retrocedere in B per la prima volta da quando il calcio era pèrofessionistico, ben due volte. La C! Il fallimento! I numeri bisogna saperli leggere perchè altrimenti possono rappresentare falsità. VCG è l’uomo più distruttivo della storia viola e per un vero tifoso viola dovrebbe rappresentare un incubo.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. user - 4 settimane fa

      Chi fa master di economia aziendale ed è un tifoso razionale che evidentemente è affascinato dal modello Della Valle e parla di persone mandate a casa dopo il fallimento di CG e tante altre belle parole di circostanza non dovrebbe offendere così facilmente il prossimo come fai tu.Vedi amico caro io contrariamente a te voglio anche vincere qualche volta e non chiamo “coppette”la coppa Italia e la supercoppa che sono dei signori trofei e amo la passione messa nel calcio….ma i DV che pure mi auguro che se ne vadano presto non li ho MAI offesi..vedi a volte la differenza tra le persone….Ciao bati….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. bati - 4 settimane fa

        caro saccentino di bocca buona, per me uno che porta la mia squadra del cuore per la prima volta da quando il calcio è professionistico, e per ben due volte, in B, è un insopportabile imbecille. VCG è uno che mi ha fatto soffire in maniera indicibile procurandomi tristezze indimenticabili; facendola poi anche fallire mi ha distrutto. Tu probabilmente eri in fasce o non c’eri perchè non c’è ci può essere nessun’altra spiegazione. Mi dispiace per te del fatto che tu non riesca a dare un peso alle cose, e di fronte a queste abnormità (retrocessioni e fallimenti vs coppe italia..) non dovrebbe proprio essere difficile. Marione lo chiamava il mio bischero in presenza di altri ed a ragion veduta. Io lo chiamo il presidente imbecille che mi ha rovinato tanti anni da tifoso.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Ghibellino viola - 4 settimane fa

          Bati lascia perdere. Inutile ragionare con chi vuole solo affermare il proprio odio contro l’attuale proprietà. Ti chiami bati e da lì si capisce come tu possa aver vissuto quegli anni. Questo sito è pieno di bimbetti a cui interessa solo provocare. Mi dispiace che chi cura il sito continui a strizzare l’occhio a certi atteggiamenti.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Ghibellino viola - 4 settimane fa

    Redazione mettete anche la media dei piazzamenti in campionato. Dato interessante (che rivaluta molto i pontello)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Roberto Vinciguerra - 4 settimane fa

      Questo ed altri argomenti verranno trattati prossimamente

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. bati - 4 settimane fa

    …e avere anche il coraggio di metterlo prima di tutti. Io spero che sia la giovane età perchè sembra una vera atrocità giornalistica. L’uomo più distruttivo della storia viola al primo posto di una classifica arbitraria.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. bati - 4 settimane fa

    Vinciguerra, la retrocessione in B del 1993 voluta e cercata a tutti i costi da quell’imbecille, che con la Fiorentina di Radice quarta lo esonerò (pensando che gli tro.. insidiasse la moglie) e scelse come sostituto Agroppi, l’uomo più odiato da Matarrese. Vinciguerra, sai come finì? In serie B con uno squadrone. Anche un giornalista dei numeri tende a ricordare la coppetta italia e si dimentica un vergognosa retrocessione in B?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Roberto Vinciguerra - 4 settimane fa

      Io non ho dimenticato niente e tu non hai letto l’intero articolo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. bernard - 4 settimane fa

    Successivamente abbiamo vissuto momenti esaltanti con l ‘ avvento del conte Pontello , che lanciò la sfida , con toni anche sprezzanti , alla Juventus . Eclatante la campagna acquisti dell ‘ estate 1981 : Pecci , Graziani ,Cuccureddu , Monelli , Massaro col colpo finale di Wierchowod soffiato ai bianconeri a chiusura del mercato . Ricordo che il compianto Beppe Viola defini’ la Fiorentina la NIMITZ del campionato italiano . Senza quell ‘ intervento criminale di Martina su Antognoni , lo scudetto l ‘ avremmo vinto per distacco dalla Juve , invece sappiamo tutti come ando’ a finire . L’ era Pontello fu esaltante fino alle cessioni di Galli , Massaro e Passarella , più che dignitosa dopo , con il culmine nella finale di Coppa Uefa . Il compianto Mario Cecchi Gori va ricordato come un grande Presidente : ci fosse stato lui , non avremmo sicuramente vissuto l ‘ onta del fallimento . I Della Valle ci hanno fatto vivere momenti esaltanti con Prandelli , belli con Montella , in chiaroscuro ultimamente . E’ pero’ ingeneroso limitare la valutazione sul loro conto alla mancanza di titoli . Dal loro avvento , , la Juventus ha vinto ( sul campo ) 10 scudetti ( e sta per vincere l ‘ undicesimo ), 4 l ‘ Inter , 2 il Milan .Alle altre sono andate le ” briciole ” .

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. VIKINGO - 4 settimane fa

    ma Vittorio anche no… credo che uno scudetto valga come 6 coppe italia
    e poi il Fallimento….non credo che sia stato niente di peggio come gestione .
    Facile fare la squadra con i soldi del babbo…. e buttarli al vento

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. bernard - 4 settimane fa

    La grande e gloriosa Fiorentina è stata indubbiamente quella di Enrico Befani : uno squadrone , nel vero senso della parola . A parte l ‘ inarrivabile squadra che vinse il primo scudetto nel 1955 / 56 , è doveroso ricordare la Fiorentina 1958/59 , così composta : Sarti ; Robotti , Castelletti ; Chiappella , Cervato , Segato; Hamrin , Gratton , Montuori , Lojacono , Petris . Detiene tuttora il record delle reti marcate nei campionati a 18 squadre : 95 ( Hamrin 26 , Montuori 22 … ) !!! Alla decima del girone di ritorno , il 12 aprile 1959 , ci fu lo scontro diretto col Milan secondo in classifica con 40 punti , a un punto da noi , primi con 41 . Perdemmo 3 – 1 ( 8’ autorete Robotti , 17, Altafini , 41 ‘ HAMRIN , 80’Danova ) e fu determinante l ‘ infortunio occorso a Montuori ( che non gioco’ più fino al termine della stagione ) nel primo tempo . Allora non c ‘ erano le sostituzioni . Vinse il titolo il Milan con 52 punti , noi 49 . Memorabile la finale al Bernabeu , con 124mila tifosi sugli spalti . La gara , in perfetto equilibrio , fu sbloccata dal mitico Di Stefano al 29, del secondo tempo su calcio di rigore inesistente , in quanto Magnini commise fallo fuori area ( l ‘ hanno ammesso gli stessi spagnoli a distanza di molti anni ) . Raddoppio’ Gento al 76 . Va poi naturalmente ricordata la Fiorentina del 2° Scudetto , che compi’ un autentico miracolo sportivo , in quanto vinse dopo aver ceduto in estate Albertosi , Brugnera e soprattutto Mario Bertini . La Fiorentina ye ye apri’ la strada con la vittoria della Coppa Italia nel 1966 .

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Marco Chianti - 4 settimane fa

    So che nella gestione DV, per dirla alla Mourinho: zero tituli.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. 29agosto1926 - 4 settimane fa

      Ma va?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Marco Chianti - 4 settimane fa

        0

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. 29agosto1926 - 4 settimane fa

          Sempre perspicace oltre misura. ÚNICO

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Marco Chianti - 4 settimane fa

            Grazie anche se forse mi ho commesso degli errori perché non ho contato gli scudetti del bilancio, le champions della plusvalenza e i mondiali per club del fair play…

            Mi piace Non mi piace
  16. Anatema - 4 settimane fa

    Scindere le due retrocessioni fra Vittorio e Mario mi sembra una roba da pazzi, ma prendiamola per buona.

    Quindi, il merito di portare Batistuta alla Fiorentina dovrebbe andare solo a Mario, visto che è successo pre-retrocessione? La botte piena e la moglie ubriaca.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Roberto Vinciguerra - 4 settimane fa

      Mario Cecchi Gori presidente dal 1990 al 1993.
      Vittorio Cecchi Gori presidente dal 1993 al 2002.
      Mettiamo in dubbio anche i dati oggettivi?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. Alan1971 - 4 settimane fa

    …pur di darsi coraggio avete inserito i “titoli sfiorati”….

    In pratica posso contare pure tra le mie conquiste pure Belen, che stava mangiando ad un tavolo a 3 mt. da me e la Satta, che è uscita dall’ascensore mentre io ci stavo entrando. Sfido quindi a dire che non le ho “sfiorate”.

    Quindi – stando ai vostri parametri – devo conteggiarle come “avute”.
    Ah però, sono un play boy, grazie di avermi illuminato la giornata.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Roberto Vinciguerra - 4 settimane fa

      Quindi la finale di Coppa Campioni 1957 persa contro il Real Madrid, per te, non vale niente?
      Comunque, per redigere questo palmares, ho seguito il modello inglese, che prevede anche la presenza dei titoli… “sfiorati”.
      Fattene una ragione.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Mezio Fufezio - 4 settimane fa

        Forse andrebbe dato un peso ai titolo veri e sfiorati. Che Cecchi Gori sia davanti a Befani è un’offesa alla storia della Fiorentina.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Roberto Vinciguerra - 4 settimane fa

          Lo so, ma questa è la graduatoria dei titoli vinti

          Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Alan1971 - 4 settimane fa

        Vale come “finale persa” per chiacchierare al bar, caro Vinciguerra, a maggior ragione in un articolo che elenca la “graduatoria dei presidenti della Fiorentina in base ai trofei ed ai titoli vinti dalla squadra viola” (cit. sottotitolo) e s’intitola “chi è quello che ha vinto più titoli” (cit. titolo)

        Quale “titolo” sarebbe la finale persa?…..
        Te le dico io: nessuno, fattene una ragione, sennò avremmo 1 Coppa Campioni in bacheca.

        Consiglio spassionato: non farti sentire da uno juventino che piangerebbe fino a Natale per le sue 10 coppe Campioni/Champions o a un olandese che – secondo te – è 3 volte Campione del Mondo mentre il suo palmares recita 0 (ZERO).
        La differenza tra “vincitore” e “perdente” sta proprio lì, in quella finale che uno vince e l’altro perde.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Roberto Vinciguerra - 4 settimane fa

          La graduatoria è stata stilata solo per titoli vinti, il resto sono solo informazioni generali per singolo presidente.
          Non vedo dove sia il problema.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        2. 29agosto1926 - 4 settimane fa

          F E N O M E N O!

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Xela - 4 settimane fa

      che esempio stupido. Se il primo posto o trofeo equivale ad andare a letto con una delle sopracitate si potrebbe dire che il secondo posto può equivalere ad averci passato una romantica sera a cena tete a tete. Non ad averla sfiorata davanti l’ascensore. Quello non è nemmeno la salvezza all’ultima giornata via… A meno di non essere proprio un disperato.

      La classifica è chiara anche se ha una semplice valenza statistica e non corrisponde ai valori delle presidenze citate. sono stagioni troppo diverse. I CG oggi non riuscirebbero nemmeno a comprarla una squadra, ma di che stiamo parlando? Il calcio è cambiato!

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy