Stagione senza obiettivi, ora Pioli deve osare: spazio ai talenti inespressi

Stagione senza obiettivi, ora Pioli deve osare: spazio ai talenti inespressi

Il tecnico viola ha il compito di costruire certezze con i giocatori che resteranno anche la prossima stagione, ma anche il dovere di estrarre dalla panchina potenzialità che finora si sono viste poco o niente

12 commenti

In una stagione che galleggia lontano da qualsiasi obiettivo, Pioli ha il compito di costruire certezze con i giocatori che resteranno anche la prossima stagione, ma anche il dovere di estrarre dalla panchina potenzialità che finora si sono viste poco o niente. Milenkovic è il «non titolare» che per ora ha convinto di più e ci si chiede perché non possa trovare stabilmente spazio.

Anche altri giocatori sono da tenere d’occhio. Dragowski rischia di diventare un serio concorrente per Sportiello, la cui prospettiva di riscatto definitivo dall’Atalanta ora è congelatissima. Dabo è da valutare come vice Badelj e Pioli ci sta pensando. Infine Lo Faso, come Zekhnini non convocato a Bologna: i numeri in allenamento lo stanno spingendo verso un impiego meno periferico. Lo scrive La Nazione.

 

Violanews consiglia

Ag. Dragowski a VN: “Merita e si aspetta più spazio. Il suo futuro? Ecco da cosa dipende”

“Progetto giovani”, il serio e il faceto: l’Atalanta sogna, la ‘Viola’ soffre

12 commenti

12 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. bitterbirds - 5 giorni fa

    pioli-cuor-di-leone è proprio l’allenatore ideale per rischiare

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Up The Violets - 5 giorni fa

    Una cosa che c’entra poco con il tema dell’articolo: è possibile evitare di mettere ovunque “potenzialità” e altre voci del lessico corviniano? Mi genera fastidio. Grazie.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. pino.guastell_18 - 5 giorni fa

    Io appartengo all’esercito del 52% contrario alla riconferma di Pioli alla guida della Fiorentina. Per il sottoscritto è un allenatore mediocre, che non ha saputo dare uno straccio di gioco alla squadra e che non sa valorizzare i tanti talenti che gli hanno messo a disposizione. Abbiamo dei giovani eccellenti, ma lui oltre Chiesa non sa andare. Se i mass media e la stragrande maggioranza dei tifosi viola non parlassero bene di Chiesa il signor Pioli lo lascerebbe in panchina per fare giocare Thereau. Questo è l’allenatore scelto da Corvino. Liberiamoci di entrambi se vogliamo ambire a posizioni più dignitose in classifica.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. emilio - 5 giorni fa

    … IL PARMIGIANINO … PORINO… L’HANNO TROVATO NELL’OVO DI PASQUA…HUN COSTAVA NULLA…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. BlandoTifoso - 5 giorni fa

    Ora su questo problema non ha proprio colpa corvino o pradè se l’allenatore non lo fa mai giocare e non ci crede è chiaro che il ds è costretto a venderlo.. Il problema è che la proprietà ha fatta eccezione di Sousa sempre scelto allenatori che non si epsongono a far giocare i giovani.. insomma Non puoi puntare sui giovani e poi mettere in panchina un allenatore tipico italiano tradizionalista che li farebbe esordire a 25 anni.. Se punti sui giovani devi mettere anche un allenatore che sappia scommettere sui giovani altrimenti di piccini, di hagi, mancini capezzi ecc.. ce ne saranno ancora tanti..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Kewell - 5 giorni fa

    anche io mi auguro che venga dato più spazio ai giovani. Milenkovic, Dragowski in primis, ma anche Lo Faso per me si meriterebbe più spazio. Su Gil Dias insisterei, ha dei buoni spunti. Poi ricordiamoci di Saponara, o lo si prova ora o quando?! Sicuramente non continuerei con Thereau ed Eysseric. inoltre invece dei soliti e inutilizzati Cristoforo e Mini Olivera porterei in panca qualche giovane della primavera come Sottil, Ranieri, Valencic, Gori… però stiamo attenti perché non siamo ancora salvi al 100%.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. LupoAlberto - 5 giorni fa

      Non sono d’accordo…. di più! Però prima di farli giocare in prima squadra verifichiamo la situazione contrattuale: se la scadenza è inferiore a 3 anni prima si rinnova e poi li mettiamo in vetrina, giusto per evitare poi di dover fare un nuovo contratto con stipendio esagerato pur di non rischiare di perderli a zero, come è successo col Baba quando è tornato dal prestito.
      Ricordiamoci comunque che il riscatto di Gil è altissimo, per cui prima di lui proviamo altri che potrebbero prendere il suo posto e costare molto meno…
      #LoFasoTitolare
      SFV

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. ziomario - 5 giorni fa

    Da qui in avanti si devono provare tutti i giocatori a disposizione per capire quali, e purtroppo non sono molti, possono essere adatti ad una Fiorentina che ambisca almeno ad un posto in Europa. Sempreforzaviola.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. viola47 - 5 giorni fa

    corvino anziche’ venderci sempre la problematica del bilancio che anche i bambini conoscono ci dovrebbe spiegare perche” quasi tutti i suoi acquisti siedono in panchina mentre i giovani ceduti giocano ( Mancini e Piccinini) . Spero che DV si rendano conto di quello che sta accadendo sia dal punto tecnico che finanziario.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Ghibellino viola - 5 giorni fa

      Detto che la tua premessa è giusta, ricordo che piccini è stato lasciato andare fondamentalmente dalla gestione precedente. Mancini spero per lui diventi fortissimo ma per ora non ha fatto niente. Tra i lasciati andare aggiungerei però capezzi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. manuel - 5 giorni fa

        No, non è stato lasciato andare dalla gestione precedente, è stato venduto a 2 milioni con diritto di riacquisto a 3. Il diritto è scaduto a giugno scorso e non è stato esercitato da Corvino.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. UNO VIOLA - 5 giorni fa

    Me lo auguro. Fino ad ora abbiamo faticato a trovare stabilità anche con i detti “titolari”, la domanda è: Pioli è così intraprendente da fare una scelta di questo tipo? Me lo auguro ma… .

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy