Sentenza Tas: anche con Elliott le speranze per il Milan restano poche

Sentenza Tas: anche con Elliott le speranze per il Milan restano poche

Al di là delle speranze, Elliott potrebbe non bastare per cancellare la squalifica sentenziata dalla Uefa

di Redazione VN

Come ricorda Il Corriere dello Sport, l’arrivo di Elliott ha riacceso le speranze rossonere di riprendersi l’Europa League attraverso un verdetto favorevole del Tas. Con il fondo americano come proprietario, infatti, di fatto il Milan non ha più un debito da rifinanziare e, inoltre, adesso esiste una continuità aziendale. Insomma, verrebbero meno due delle ragioni che hanno prodotto prima il no al voluntary agreement e poi al settlement.

Il problema, però, è che l’esclusione dalle Coppe, decisa dalla Camera Giudicante dell’Uefa, dipende anche da altro, visto che è stato messo in pesante discussione l’operato della dirigenza in questi mesi. Si parla, infatti, di un business plan poco credibile e di un management che, con i fatti, non ha dimostrato un chiaro impegno per riportare il club nelle regole del Financial Fair Play. Insomma, al di là delle speranze, Elliott potrebbe non bastare per cancellare la squalifica.

Violanews consiglia

Sentenza UEFA-Milan, le motivazioni dell’esclusione dall’Europa League

Ufficiale, il fondo Elliott prende il controllo del Milan

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Larry_Smith - 3 mesi fa

    L’Italia è la patria del diritto, ma ci tocca leggere termini come voluntary agreement e settlement.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy