Scontri al Varlungo, ancora polemiche: “Aggressione immotivata”

Scontri al Varlungo, ancora polemiche: “Aggressione immotivata”

Il deputato leghista Belotti ricevuto dal questore di Bergamo: si prova a fare luce sugli scontri al Varlungo tra polizia e pullman atalantini

di Redazione VN

“La versione della questura continua a essere inconciliabile con quella dei tifosi. Quella dopo Fiorentina-Atalanta è stata un’aggressione immotivata, seguita da indagini a senso unico. Vogliamo giustizia” . Il deputato bergamasco della Lega Daniele Belotti, portavoce dei tifosi atalantini contro l’operato della polizia durante gli scontri sul Varlungo, non abbassa i toni e torna a chiedere luce. Insieme agli avvocati dei tifosi della Dea, Belotti è stato ricevuto dal questore Alberto Intini. “Abbiamo molto materiale, foto, video, testimonianze e anche una trentina di referti medici per lesioni, con prognosi da 1 a otto giorni” ha detto l’avvocato Riva: respinta la versione secondo cui l’autobus di ultras atalantini si sarebbe fermato volontariamente per prendersela con alcuni rivali viola presenti in un vicino Mc-Donald’s, distante 300 metri. Le indagini proseguono: la Digos fiorentina sta continuando a raccogliere verbali di testimonianze e a raccogliere foto e video. Secondo fonti vicine alle indagini, tutti gli audio e tutte le relazioni finite agli atti indicano un progressivo rallentamento del primo pullman. I tifosi poi sarebbero usciti in strada dando il via agli scontri.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy