Ricostruzione e sesto posto: la doppia sfida della Fiorentina

Ricostruzione e sesto posto: la doppia sfida della Fiorentina

“La prima passa dai programma, dagli investimenti e dalle idee della società per il futuro, la seconda dal San Paolo di Napoli che sarà tutto esaurito”

Commenta per primo!

Ricostruzione e un posto in Europa League. Una necessità e una speranza. La prima passa dai programmi, dagli investimenti e dalle idee della società per il futuro, la seconda dal San Paolo di Napoli che sarà tutto esaurito. Domani sera – scrive il Corriere Fiorentino – la squadra di Sousa si giocherà la possibilità di salire su quel treno chiamato sesto posto, scappato dopo febbraio e improvvisamente a portata di mano nelle ultime settimane.

La Fiorentina dev far punti e sperare in un passo falso del Milan che gioca in casa contro il bologna. Non proprio come avere davanti Mertens, Insigne e Callejon. Poi la Fiorentina è anche senza Borja e Astori, Badelj è acciaccato (dovrebbe giocare anche se non è al 100%). Inoltre in tanti, a partire dall’allenatore, la prossima Europa League non la giocheranno comunque a Firenze. La ricostruzione, appunto. Quella inevitabile dopo l’avvicendamento in panchina previsto tra poche settimane che porterà l’arrivo ufficiale di Stefano Pioli e dei primi acquisti. I due difensori Hugo e Milenkovic. Poi c’è il futuro di Bernardeschi, la gestione di Kalinic e il rapporto con l’ambiente da ricucire. Ingrediente necessario per ripartire e cancellare scelte sbagliate ed errori degli ultimi due anni.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy