Pioli conta molto su Vecino, cervello di centrocampo

Pioli conta molto su Vecino, cervello di centrocampo

Il punto di Masieri su Vecino e due storici giocatori uruguagi

Su La Nazione Giampiero Masieri scrive che Pioli si aspetta un gran bel campionato da Vecino. Pioli è tornato nella Fiorentina dopo 22 anni, faceva il terzino e studiava in silenzio da allenatore. Ora eccolo di nuovo sotto la torre di Maratona, molto contento e convinto. (Barba lunga e baffi, regolarsi). C’è stato il primo contatto verbale, una lunga chiaccherata. Vecino era felice. Ma la memoria di Masieli lo porta a ricordare il primo straniero che arrivò dall’Uruguay: era nientemeno che Pedro Petrone, detto l’Artillero, che segnò una cosina come 37 reti in 44 partite. Con lui arrivò Carlos Gringa. Ma poi i destini furono diversi per loro due: Petrone tornò a Montevideo e dette il nome «Fiorentina» a una scuderia di cavalli, Gringa rimase sempre a Firenze, lavorò in un distributore di benzina e riposa qui.

3 commenti

3 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. leandro.gol_103 - 1 mese fa

    Avrà fatto il conto alla rovescia. Meno tre, meno due, meno uno, partenza….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Daniele C. - 2 mesi fa

    Speriamo di no ,però ho la sensazione che il napoli alla fine pagherà la clausola.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. bobosmdg - 2 mesi fa

    Ancora non capisco come possano certe società di serie A anche di un certo rilievo come Inter, Lazio e Fiorentina puntare su questo mediocre allenatore che ovunque è andato è stato esonerato e non ha combinato mai nulla.
    Allenatore da B buono al massimo per la promozione in serie A.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy