Nuovo stadio, a breve incontro Della Valle-Nardella: le condizioni della Fiorentina

Nuovo stadio, a breve incontro Della Valle-Nardella: le condizioni della Fiorentina

Nell’idea della società c’è l’investimento per la valorizzazione dell’area di Novoli, ma all’acquisto dei terreni di Castello e allo spostamento della Mercafir…

di Redazione VN

Secondo quanto riporta l’edizione odierna de La Nazione, dopo la presentazione da parte del Comune del Piano Urbanistico Esecutivo dell’area di Castello ed i carotaggi effettuati dalla Fiorentina nell’area Mercafir, il sindaco Nardella ed i fratelli Della Valle si incontreranno in tempi stretti per decidere una nuova tabella di marcia verso la realizzazione dello stadio. Dal momento della consegna del Pue, la Fiorentina ha calcolato siano necessari 6 mesi per consegnare il progetto definitivo dello stadio.

Si parla dunque di maggio, non del 31 dicembre (data limite precedentemente fissata) per la consegna del progetto. E con il nuovo incontro previsto, si affronteranno anche quelle questioni ancora irrisolte, come per esempio chi si accollerà la spesa dello spostamento dell’area Mercafir. Nell’idea della società c’è l’investimento per la valorizzazione dell’area di Novoli, ma all’acquisto dei terreni di Castello e allo spostamento della Mercafir dovrà provvedere il Comune. E INTANTO, A RIGUARDO, ARRIVANO LE DICHIARAZIONI DI NARDELLA…

Violanews consiglia

Cos’è il carotaggio, il lavoro che la Fiorentina ha iniziato per il nuovo stadio

Nuovo stadio, Mercafir ok: ma resta discordanza sui tempi

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. bitterbirds - 2 giorni fa

    “…ma all’acquisto dei terreni di Castello e allo spostamento della Mercafir dovrà provvedere il Comune”

    non penso proprio sarà così facile

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. vecchio briga - 4 giorni fa

    Il Comune significa i fiorentini. Questo temo che rappresenterà un problema, dato che è sempre stato detto che tutta la faccenda non sarebbe costata 1€ ai contribuenti. E ricordo anche le parole del presidente di Mercafir, che disse che per loro era necessaria una riorganizzazione del mercato (se vi ricordate la prima ipotesi di Renzi era lo stadio accanto alla Mercafir riorganizzata), ma non lo spostamento, per il quale non erano disposti a pagare. Mi pare pure strano che i Della Valle pongano ora la questione, dopo anni. Ancora più strano mi parrebbe rinunciare a un investimento di 400 milioni per non spenderne 25 per il trasloco Mercafir (se non ricordo male si parlò di questa cifra). Allo stesso tempo vedrei in difficoltà Nardella a chiedere ai contribuenti questo sacrificio, a pochi mesi dalle elezioni in una città piena di problemi su cui eventualmente intervenire. Mah

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy