Lafont si mette alle spalle la serataccia di coppa: grandi parate a Bergamo

Lafont si mette alle spalle la serataccia di coppa: grandi parate a Bergamo

Se la Fiorentina non è uscita da Bergamo punita oltre i suoi demeriti lo deve in gran parte a Lafont che deve ancora migliorare, soprattutto nella presa

di Redazione VN

La Nazione si concentra su Alban Lafont, probabilmente il migliore della Fiorentina a Bergamo.

Una stagione in altalena. Tra alti, tanti, e bassi, alcuni. Per i critici, troppi; per i più cauti, normali quando si parla di un portiere giovane alla sua prima esperienza di un certo livello nel campionato italiano. Alban Lafont farà discutere fino alla fine della stagione: è la sua condanna. Ma a Bergamo ha confermato le sue qualità, mettendosi subito alle spalle una serata di coppa per certi versi da dimenticare. Se la Fiorentina non è uscita da Bergamo punita oltre i suoi demeriti lo deve in gran parte al francese che deve ancora migliorare – soprattutto nella presa –, ma quando può far valere l’elasticità del suo corpo non ha davvero uguali. Stavolta le tre reti non sono farina del suo sacco, ma sono tutte sue le parate. Due grandi parate su Gomez, con il quale ha un conto aperto, e si arrende all’argentino favorito dalla scivolata di Pezzella e dalla palla che passa sotto le gambe di Ceccherini. Prima non può nulla sulla deviazione involontaria di Ceccherini sul tiro di Ilicic. Nel mezzo salva d’istinto sul destro a volo di Ilicic e poi disinnesca una punizione sempre di Ilicic, bravo anche a volare per togliere da sotto la traversa un insidioso tiro cross del Papu.

vnconsiglia1-e1510555251366

Fiorentina chiusa all’angolo e Lafont bombardato: l’Europa si allontana

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Fantero - 3 settimane fa

    Così fate il male della Fiorentina, Lafont nel primo tempo è stato uno dei peggiori, andate a riguardarvi tutti gli interventi: sono tutte palle centrali da bloccare! L’ assedio dell’ Atalanta nel primo tempo è stato causato anche dalle sue respinte, il famoso tiro di Gomez è centralissimo e lui fa un tuffo per i fotografi… Giovane non vuol dire forte, è stato giovane anche Tomovic, questi sono articoli fasulli che servono solo per sostenere questa dirigenza che commette errori a raffica e ci ha portato ad avere una squadra per 10\11 inferiore all’ Atalanta (non il Real Madrid).

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy