La VAR a Ferrara: come passare dal paradiso all’inferno in una manciata di minuti

La VAR a Ferrara: come passare dal paradiso all’inferno in una manciata di minuti

Un episodio singolare cambia la partita tra SPAL e Fiorentina: una vittoria che fa rifiatare i viola

di Redazione VN

«Come passare dal paradiso all’inferno in una manciata di minuti», scrive Il Corriere della Sera. Esultare per il gol del 2-1 e ritrovarsi invece, dopo l’intervento dell’arbitro Pairetto consultatosi con il collega alla VAR, sotto di un gol. La sfida fra la SPAL che non vince in casa da 5 mesi e la Fiorentina si incendia al 28’ del secondo tempo. Chiesa si scontra con Felipe e cade nell’area emiliana reclamando il rigore. Pairetto non ritiene opportuno intervenire. L’azione prosegue e dopo 34’’ Valoti approfitta del cross di Fares per trafiggere Lafont e portare la SPAL sul 2-1. Stadio in festa, Valoti saluta il fratellino a bordo campo, Semplici euforico. Poi la doccia gelata. Il fischietto viene richiamato da Mazzoleni, addetto alla Var, e invitato a riguardare l’azione precedente al monitor. Passano i minuti – per la precisione 3’49’’ -: alla fine viene annullato il gol agli emiliani e concesso il rigore alla Fiorentina. La panchina della SPAL è una bolgia, lo stadio ribolle di indignazione, ma Veretout dal dischetto non sbaglia.

Violanews consiglia

Il tecno-ribaltone che rimodella la casistica: a Ferrara dal dolore alla gioia

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy