Il treno per l’Europa è partito: le concorrenti accelerano, la Fiorentina… pareggia

Il treno per l’Europa è partito: le concorrenti accelerano, la Fiorentina… pareggia

In un mese Pioli si gioca la stagione

di Redazione VN

L’altra faccia del pari con il Napoli è più oscura e meno piacevole per la Fiorentina. Il settimo posto, occupato dalla Lazio, ora è distante sei lunghezze. Sulla classifica dei viola pesano i tanti pareggi, per iniziare a risalire posizioni serviranno vittorie contro le squadre davanti in classifica. Un gruppo di nove formazioni, tra le quali solo Atalanta e Milan sono state sconfitte nel girone d’andata; gli altri successi sono arrivati con Chievo (due volte), Udinese, Spal e Empoli. Da qui a marzo saranno tutti esami da non fallire, intervallati dall’andata di semifinale di Coppa Italia, sette partite da non sbagliare [IL CALENDARIO VIOLA]. Lo scrive il Corriere Fiorentino.

Violanews consiglia

Fiorentina promossa e impaurita, a suo agio nelle battaglie per l’Europa

L’uomo del momento: Lafont, contro il Napoli una serata da incorniciare

7 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. ottone - 5 giorni fa

    Commenti tutti equilibrati, che condivido.
    I numeri ancora non ci condannano, ma è difficile che questa brigata di ragazzotti (qualcuno di talento, la maggior parte no) riesca a diventare di colpo una squadra. L’orgoglio c’è, ma essere squadra è altra cosa. Per cui è più facile vincere le tre partite di coppa Italia che cambiare passo in campionato. Anche se l’Atalanta di ora è veramente dura x noi. Poi sarà calciomercato, dove mi attenderei “altro” dei soliti triti e ritriti luoghi comuni…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. andrea333 - 5 giorni fa

    Pareggiare con il Napoli è un ottimo risultato. Le partite che avremmo dovuto vincere sono altre.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. glomantic - 5 giorni fa

    Abbiamo vinto tre partite nelle ultime sedici abbiamo un centrocampo costruito malissimo che mette in difficoltà tutta la squadra, bisogna sperare nella coppa italia ma siamonon al livello del miracolo…. a Maggio da Corvino sentiremo testuali parole: abbiamo lottatto per l europa fino all ultimo e poinon si aggrappera a qualche numero come sa fare solo lui, l ultima che ho sentito è quela su Therau: è un giocatore che aveva fatto 50 gol negli ultimi cinque anni.. comunque è un grande perché evidentemente pensa che siamo tutti ebeti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. vecchio briga - 5 giorni fa

    Dopo la spal mi pare che abbiamo inter atalanta e lazio. Forse è meglio pensare alla coppa Italia..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Up The Violets - 5 giorni fa

      …Per vincere la quale bisognerà battere due volte la stessa Atalanta e poi la stessa Lazio (all’Olimpico) o se no il Milan che è ancora più distante in classifica da noi… È l’autofinanziamento, bellezza.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. vecchio briga - 5 giorni fa

        Sicuramente, ma l’impresa è più semplice su 3 partite secche che non sul resto del campionato..

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Up The Violets - 5 giorni fa

          Giusto, matematicamente parlando non fa una piega. Peccato però che in campionato le puoi trovare in cattiva giornata/poco concentrate, com’è stato all’andata con Atalanta e Milan, mentre a una semifinale e ancor più a una finale di coppa è assai improbabile che una squadra possa presentarsi deconcentrata o svogliata. Sommando a ciò il presupposto che son tutte e tre più o meno nettamente più forti di noi…

          Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy