Dall’aeroporto allo stadio: effetto domino nella zona nord-ovest di Firenze

Dall’aeroporto allo stadio: effetto domino nella zona nord-ovest di Firenze

L’area di Castello e i traslochi pronti a partire, ma le incognite da affrontare sono più di una

di Redazione VN

Un passaggio a Nord Ovest “strettissimo”, un quadrante su cui si giocano alcune delle scommesse più importanti per il futuro della città: aeroporto, Mercafir e stadio. La cittadella viola – scrive La Nazione – è previsto infatti che si estenda nell’area di Novoli, dove adesso c’è il mercato ortofruttivcolo. Ma chi paga tutti questi traslochi? Tanto per cominciare l’area di Castello su cui si sta progettando Mercafir deve essere venduta da Unipol per circa 75 milioni. Ma questo passaggio sarà formalizzato solo dopo il via libera alla costruzione della nuova pista di Peretola.

Invece, per quanto riguarda la realizzazione del nuovo stadio, il sindaco Nardella ha affermato che “la Fiorentina sta proseguendo nella progettazione. Ciò che può interessare sia i tifosi che i fiorentini è che si sta andando avanti su tutta la linea: sull’aeroporto, su Mercafir e anche sullo stadio“. Se tutto il risiko andasse come previsto, il Comune dovrebbe incassare una ventina di milioni dalla Fiorentina per cedere il terreno dove adesso c’è la Mercafir. Su questa cifra prevista da Palazzo Vecchio ancora non c’è l’accordo con la società viola. Ma in ogni caso, con gli stessi soldi l’amministrazione comunale acquisterebbe poi l’area di Castello da Toscana Aeroporti per la realizzazione del nuovo polo agroalimentare della Mercafir. Quindi, al momento, sono più di una le incognite da affrontare.

vnconsiglia1-e1510555251366

Il polo più innovativo del centro-Italia: nasce la nuova Mercafir, tra stadio e spazi verdi

4 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. mannishboy - 1 settimana fa

    E non scordiamo il termovalorizzatore.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Il Viola di Gallipoli - 1 settimana fa

    Alla fine si farà tutto.
    Superata la questione unipol, ormai è tutto avviato se non ci si mette contro il governo.

    Quello è l’unico ostacolo ma, considerati gli interessi in ballo, dubito che faranno resistenze.

    Ci rivediamo nel 2023-24.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. bitterbirds - 1 settimana fa

    pista aereoporto ancora da formalizzare, decine di milioni da tirar fuori, accordo ancora da raggiungere…tutti problemini che dario nostro saprà risolvere in men che non si dica. questo è un uomo di poche parole e parecchi fatti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Staffa - 1 settimana fa

    Piu che risiko mi sembra i tetris…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy