Chiesa-Insigne: scontro show al San Paolo

Chiesa-Insigne: scontro show al San Paolo

De Laurentiis sogna di vederli presto accanto, ma la Fiorentina è pronta a difendere Chiesa dagli “attacchi” del Napoli

Commenta per primo!

Si è allenato da solo, perché Lorenzo Insigne non vuole perdersi il duello di domenica contro i viola, ma soprattutto contro Federico Chiesa. Napoli-Fiorentina – scrive La Nazione – è anche questo: una sfida nella sfida destinata ad andare in scena per i prossimi anni; magari insieme e non solo con la maglia dell’Italia. Ipotesi, quest’ultima, che durante l’estate scorsa è stata respinta con forza dalla proprietà della Fiorentina. De Laurentiis, infatti, aveva provato a forzare la mano ai Della Valle, offrendo non meno di 40 milioni per portare Chiesa a Napoli. Stima infinita da parte del numero 1 napoletano che non ha mai nascosto di essere un ammiratore del ragazzo viola. Il sogno del pirotecnico presidente del Napoli è di formare una coppia offensiva con i due esterni più forti del campionato italiano, pronti a prendere per mano anche la nazionale che verrà. Già, perché nel 4-3-3 azzurro – chiunque sia il prossimo ct – non può prescindere dalla loro presenza, con al centro Immobile o Belotti.

Il futuro dell’Italia avrà la loro immagine. Sarebbe una sorpresa non fosse così. Per ora De Laurentiis sogna, mentre la Fiorentina resta attaccata alla realtà, blindando il suo uomo immagine non solo con il rinnovo del contratto che scadrà nel 2022, ma anche senza inserire una clausola rescissoria. Nel calcio ‘pazzo’ di oggi, infatti, mettere il ‘cartellino del prezzo’ (la clausola) significa invogliare i grandi club a mettere mano al portafogli, scavalcando anche il volere della società di appartenenza.

vnconsiglia1-e1510555251366

Valcareggi: “Napoli sgonfio, Saponara ed Eysseric grandi acquisti. Della Valle? Come se ci fossero”

Sarri vs Pioli, filosofie a confronto. I precedenti sono inquietanti…

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy