Chiarugi: “Chiesa e Insigne fantastici. La Fiorentina ha svoltato dopo il pari con la Lazio”

Chiarugi: “Chiesa e Insigne fantastici. La Fiorentina ha svoltato dopo il pari con la Lazio”

Chiarugi, doppio ex di Fiorentina e Napoli: “Insigne è un giocatore che ti fa male con la sua tecnica. Ha un dribbling letale. Partendo da sinistra, ormai ha immagazzinato quel rientro sul destro che è diventato il suo marchio di fabbrica. Federico è più potente, ha una progressione e una falcata potente che in pochi hanno in Italia”

Commenta per primo!

Intervistato da La Nazione, il doppio ex di Fiorentina e Napoli, Luciano Chiarugi ha parlato della “sfida” tra Federico Chiesa e Lorenzo Insigne, anche se quest’ultimo è ancora in dubbio per la partita di domenica pomeriggio:

Sono due giocatori fantastici, che fanno divertire. Sia Insigne che Chiesa sanno risolvere una partita con una giocata, un tiro, un assist. E anche domenica al San Paolo avranno tutti i riflettori puntati addosso. Insigne è un giocatore che ti fa male con la sua tecnica. Ha un dribbling letale. Partendo da sinistra, ormai ha immagazzinato quel rientro sul destro che è diventato il suo marchio di fabbrica. Il gioco del Napoli ne esalta le caratteristiche di fantasista e di grande palleggiatore. Non ha giocato in Champions League mercoledì credo proprio in ottica Fiorentina. Federico è più potente, ha una progressione e una falcata potente che in pochi hanno in Italia. Rispetto a Insigne, ha più qualità nel mancino. Come il babbo Enrico, sa usare molto bene entrambi i piedi. Ha enormi margini di miglioramento, è evidente quando lo vedi giocare. Deve imparare a giocare di più dentro la squadra. Il futuro però è suo. La Fiorentina, per me, ha svoltato dopo il pareggio ottenuto a Roma contro la Lazio. Il San Paolo in questo senso è un bel test di verifica.

vnconsiglia1-e1510555251366

Chiesa-Insigne: scontro show al San Paolo

La sfida al Napoli e quella mezzora in cui segnare è più facile

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy