Benassi e quella doppietta un girone fa: obiettivo doppia cifra per il centrocampista

Benassi e quella doppietta un girone fa: obiettivo doppia cifra per il centrocampista

Contro il Chievo all’andata l’ex Toro aveva siglato due gol e adesso vuol tornare a segnare

di Redazione VN

Dopo il turno di riposo contro la Samp, Marco Benassi è pronto a tornare protagonista già dalla trasferta di Verona. Il Corriere dello Sport sottolinea la sua importanza fin qui in stagione per la Fiorentina: il centrocampista ex Toro, infatti, con le sue sei reti messe a segno ha contribuito a mettere insieme il 33% dei punti conquistati dalla Fiorentina ed è stato decisivo nel 18,5% dei casi (dal gol-partita contro l’Udinese a quelli siglati contro Torino e Frosinone). Nella sua stagione dei record – Benassi, infatti, mai aveva segnato più di cinque gol in un unico campionato, per di più l’ha fatto in appena un girone – adesso punta alla realizzazione di un sogno personale: toccare la doppia cifra in termini di segnature. Se lo augura pure Pioli, visto che quando il suo centrocampista segna, la Fiorentina smuove sempre la classifica.

Violanews consiglia

Diawara: “Sono molto felice di essere al Napoli, venire qui non è stata una scelta sbagliata”

Corvino /2: “Traorè è programmazione, Diawara impossibile. Pjaca? Per noi resta, ma…”

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. bati - 2 mesi fa

    Continuo a chiedermi se non ci servirebbe come l’aria una mezz’ala vera di corsa ma soprattutto di gioco, costruzione, assist e ben vengano eventuali goal. Il ragazzino polacco da quello che si può vedere su youtube incarna proprio questo prezioso tipo di centrocampista. Tutto da vedere poi se riuscirebbe in un campionato come la serie A. Benassi ha solo tanta corsa e indiscutibilmente segna spesso. Ma non possiamo sprecare un posto fondamentale a centrocampo per uno che corre tantissimo e che fa dei goal ma che tocca dieci palloni a partita e spesso in maniera rocambolesca. Noi abbiamo bisogno di uno che faccia gioco, tocchi mille palloni a partita come Veretout, pesi nell’economia del gioco come la mezz’ala di destra deve fare in qualsiasi squadra. Ricordo a Corvino (che è innamorato di Mihajlovic) che Sinisa lo ha tenuto per più di un anno in panchina, qualche motivo pratico e funzionale ci sarà. Bisogna uscire dall’equivoco e comprare i giocatori per il ruolo che realmente svolgono. Dove vogliamo andare noi con Gerson a sinistra e Benassi a destra. Poco filtro e pochissima costruzione.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy