Cannavaro attacca: “Via le mummie che gestiscono il nostro calcio”

Cannavaro attacca: “Via le mummie che gestiscono il nostro calcio”

Il duro post di Paolo Cannavaro, difensore del Sassuolo: “Spazio ai giovani dentro e fuori dal campo”

4 commenti

Così Paolo Cannavaro, difensore del Sassuolo e fratello di Fabio che vinse il Mondiale 2006 da capitano, attacca il sistema calcio italiano su instagram dopo la clamorosa eliminazione della squadra di Ventura:

 

VNCONSIGLIA1 leggi anche

– Italia, anno zero. Hanno fallito squadra e classe dirigente. Il cambiamento è indispensabile
Le prime pagine dedicate al disastro azzurro

4 commenti

4 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. cava59 - 1 settimana fa

    …ecco un’altro patriota,invece di aiutare la federazione,proporti in qualche modo,sei andato ad allenare in Cina in un campionato ridicolo, dove però ti hanno riempito di milioni di dollari,di Yen, non so, tanti…troppi di sicuro.
    E ora ci fai il pistolotto del tifoso Azzurro ma vaia vaia Cannavaro gobboooooo nell’anima… mi sei sempre rimasto sulle p….! FORZA VIOLA

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Maurino - 1 settimana fa

      E ti sbagli co i su fratello grullo !!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Matt - 1 settimana fa

    Tutti aggrappati alla poltrona a tirare calci al culo di Ventura, che non sarà adatto al ruolo di ct, come ha dimostrato, ma che sicuramente non può essere l’unico colpevole nella miriade di persone che girano introno alla Nazionale italiana

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Marco Chianti - 1 settimana fa

    In questo momento staranno tramando per conservare la loro poltrona. Faranno passare Ventura (che le sue colpe ce l’ha ma è il meno colpevole di tutti) come il capro espiatorio. Sarà l’unico a pagare. Loro faranno calmare le acque e, tramando nell’ombra, distribuendo favori un po’ qua ed un po’ là, riusciranno a restare al comando. Distruggeranno questo sport in Italia. Ci riusciranno statene certi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy