Un vero e proprio generale

Un vero e proprio generale

Una prova sontuosa da parte di German Pezzella contro il Napoli: un capitano eletto dai fatti

di Giacomo Brunetti, @gia_brunetti

Ha dovuto interpretare anche gli straordinari, come se non bastasse. E gli è stato reso merito di ciò. German Pezzella è il capitano della Fiorentina, il miglior attore che potesse esserci nel ruolo. La partita contro il Napoli è stata la summa delle virtù in dote all’argentino, dapprima trainatore di una difesa in emergenza, poi eroe nel finale. Anticipo, posizionamento, tenacia e sacrificio. «È l’erede naturale di Davide per dedizione e attaccamento alla maglia», ha spiegato Stefano Pioli in conferenza stampa. «Io ho sempre avuto tre giocatori ai quali mi appoggiavo l’anno scorso, ovvero Astori, Badelj e Pezzella – ha continuato il tecnico – e German sta gestendo alla grande il suo ruolo».

Il carattere è il punto più importante che la Fiorentina ha strappato sul terreno amico. Ringraziando Alban Lafont e guadagnandosi gli applausi per una prova che stona con la classifica, ma allieta in vista dei prossimi impegni. È il campionato dei rimpianti e prestazioni come quella contro il Napoli fomentano questa sensazione. Mentra Ceccherini e Hancko traballavano, patendo le iniziative di Mertens e Insigne, Pezzella è salito in cattedra, evitando che la barca affondasse.

«Quando è entrato in campo Simeone non mi ero accorto dell’infortunio di Pezzella, non aveva detto niente e Giovanni era già entrato. Kevin non riusciva a correre, almeno German ha fatto la figura lì nel mezzo»: ultimi minuti concitati, quando l’argentino è rimasto in campo nonostante i problemi fisici, tradotti in un trauma contusivo-distorsivo al ginocchio destro. Da centrocampista aggiunto, ha calciato via un pallone insidioso e ha comunque fatto a spallate, spizzando quei palloni che Simeone non riusciva a tenere lontani dall’area viola. La simbologia che accompagna la prova del difensore è racchiusa nella voglia d’immolarsi per la causa.

vnconsiglia1-e1510555251366

Prova di carattere d’altri tempi che fa aumentare i rimpianti. La corsa all’Europa si fa più complicata

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-14014713 - 2 mesi fa

    Almeno in questo siamo unanimi! sopratutto dobbiamo essere unanimi!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. user-14014713 - 2 mesi fa

    Almeno in questo siamo unanimi! sopratutto dobbiamo essere unanimi!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. BatiBatigol - 2 mesi fa

    Stoico!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy