Tutti gli uomini del tridente

Tutti gli uomini del tridente

Ieri Pioli ha schierato un tridente inedito: solo Thereau e Sottil non hanno mai giocato da titolari. E il mercato di gennaio cambierà qualcosa…

di Stefano Rossi, @StefanoRossi_

Chiesa, Simeone e Pjaca. In estate era questo il tridente disegnato a tavolino da Pioli e Corvino per conquistare l’Europa League. Gioventù, classe, idee fresche. Tutto sembrava destinato a regalare grandi soddisfazioni ma la realtà racconta altro. E così Pioli, strada facendo, ha provato anche soluzioni alternative dopo aver insistito a lungo su di loro. A Torino, per esempio, mandò in campo la squadra senza centravanti ma non andò benissimo. Ieri invece ha esordito Vlahovic dal primo minuto mentre a inizio stagione Eysseric. Nelle ultime tre partite invece c’è stato un altro cambiamento. Gerson da mezzala è tornato a fare l’esterno come ai tempi della Roma e del Brasile. Carte mescolate, per provare a scuotere tutti. “Un po’ di panchina fa bene, e poi non mi sembra che con Chiesa e Simeone titolari avessimo segnato chissà quanti gol…” ha spiegato Pioli ieri pomeriggio.

Tra tutti gli attaccanti della rosa, sono rimasti soltanto Thereau e Sottil a non aver mai avuto la chance di giocare dal primo minuto. Per il francese incidono gli acciacchi fisici ripetuti, per il giovane figlio d’arte invece potrebbero aprirsi le porte di un prestito a gennaio. E chissà che il mercato non possa portare in viola un altro esterno offensivo visto che anche Eysseric, proprio nel mercato di riparazione, saluterà Firenze. La priorità, tuttavia, resta per il ruolo di centravanti: la società sa che Pioli ha bisogno di una soluzione (pronta) e alternativa a Simeone.

Per la prima volta in stagione, ieri a Reggio Emilia hanno segnato due giocatori subentrati dalla panchina: Simeone e Mirallas. Due attaccanti, due giocatori che da titolari non sono sempre andati benissimo. La Fiorentina ha infranto questo tabù che aveva generato critiche alle sostituzioni di Pioli. Nelle passate settimane l’allenatore in allenamento ha provato anche a modificare il modulo di gioco, nello specifico ha schierato tre trequartisti alle spalle della punta. Una rivoluzione? No, per ora un’idea. Poi si vedrà. Per adesso l’allenatore si limiterà a puntare su tutti gli uomini del tridente.

Violanews consiglia

Funerali Gigi Radice a Monza: per la Fiorentina c’era Antognoni

Coppa Italia in trasferta: gli ottavi di finale Torino-Fiorentina al Grande Torino

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. ViolaBelugi - 5 mesi fa

    Basta Pjaca sulla linea laterale. Trequartista dietro le punte, deve toccare il triplo di palloni. Se non ce la fa neanche così accomodarsi e sotto un altro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. robin.b_737 - 5 mesi fa

    Solo in allenamento la storia dei tre trequartisti? E allora come si spiega il fatto che non si riesce ad imbastire uno straccio di possesso palla partendo dalla difesa? Proprio perché dietro c’è solo Veretout e gli altri centrocampisti “scappano” in avanti senza supportarlo. La conclusione sono retromarce continue a Lafont o lancio in avanti agli esterni, sempre raddoppiati. Questo modulo non funziona!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Cinghialino - 5 mesi fa

    A me Pioli davanti sembra senza idee, purtroppo ieri è andata male anche la fase difensiva

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy