Pavoletti e l’incontro con i tifosi viola in aereo

Pavoletti e l’incontro con i tifosi viola in aereo

Il siparietto tra i tifosi della Fiorentina rientranti in Toscana e l’attaccante del Cagliari

di Giacomo Brunetti, @gia_brunetti

Sono scoccate da pochi minuti le ore quindici di sabato e nel terminal dell’Aeroporto ‘Mameli’ di Cagliari-Elmas, colmo di tifosi della Fiorentina che attendono di rientrare in Toscana, fa il suo ingresso Leonardo Pavoletti. L’attaccante del Cagliari, insieme alla compagna Elisa e al figlio Giorgio, era pronto per volare in direzione Pisa, per un rapido saluto alla famiglia livornese prima dell’impegno a Coverciano agli ordini del CT Roberto Mancini a partire da lunedì mattina.

Il primogenito del calciatore rossoblù – nato nella notte che precedette la sfida dell’andata proprio contro la Viola, che Pavoletti iniziò per questo motivo dalla panchina per poi segnare il gol del pareggio con dedica – nel passeggino e il calciatore che, subito riconosciuto dai passeggeri del volo, non ha risparmiato neanche un saluto. E dopo i saluti con gli steward che ancora esultavano per la vittoria della ‘Sardegna Arena’, alcuni tifosi della Fiorentina hanno subito scherzato sulla sfida della sera precedente. L’attaccante si è intrattenuto a bordo del veivolo insieme ad alcuni ragazzi fiorentini che, naturalmente con ironia, lo minacciavano dopo la sconfitta. E tra chi scherzava per i mancati bonus di Pavo-gol al fantacalcio, c’era anche chi gli chiedeva di venire alla Fiorentina, «ma tanto Corvino non ti comprerà». Foto e battute, per tutta la durata del volo sono state messe da parte le rivalità calcistiche e i viola, con la loro simpatia, hanno intrattenuto l’attaccante che ha ricambiato con il sorriso. Il calcio che ci piace.

Violanews consiglia

Bigica: “Io al posto di Pioli? No, non sono ancora pronto per la Fiorentina” [VIDEO VN]

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Larry_Smith - 2 mesi fa

    Chissà se fra quei simpaticoni che scherzosamente minacciavano Pavoletti c’erano anche quelli che, sempre scherzosamente, avevano augurato la morte a un infartuato

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy