Occhio agli scivoloni

Occhio agli scivoloni

La Fiorentina non può concedersi un altro passaggio a vuoto

di Stefano Fantoni, @stefanto91

A secco di vittorie da quattro partite. Nelle ultime tre sempre in vantaggio e sempre ripresa. Una difesa che, escluse due occasioni, incassa sempre almeno un gol. E un attacco che, sempre escluse occasioni, non ha mai segnato più di un gol. Questa la fredda fotografia del momento della Fiorentina, attesa dall’insidiosa trasferta dello “Stirpe” contro il Frosinone. [LA STORIA DELLO STADIO OSPITE]

Fino a quattro giornate fa i ciociari di Moreno Longo sarebbero stati il perfetto sparring partner per dare nuova linfa alla classifica: attacco dalle polveri bagnate e difesa con più buchi del groviera. Poi, con Campbell a pieno regime e il ritorno di Ciofani, le cose sono cambiate: 2 gol segnati al Torino e 3 a Empoli e Spal. Ma soprattutto la porta dell’ex Sportiello è rimasta inviolata nelle ultime due uscite, dopo aver incassato addirittura 24 reti. [TRE DUBBI DI FORMAZIONE PER LONGO]

Servirà la massima attenzione, contro un avversario a caccia di punti pesanti nella corsa salvezza. Il divario tecnico è sproporzionato in favore della Fiorentina, che però non dà sicurezza, sebbene Pioli cerchi di trasmetterla. Perché Simeone non segna, Pjaca è un fantasma, Chiesa si danna l’anima inutilmente, a centrocampo manca quel guizzo in più da Benassi, Gerson e Fernandes. La retroguardia è l’unica certezza, al netto di un Lafont a volte paperone. Una somma che, fin qui, vale un anonimo ottavo posto in classifica.

 

Violanews consiglia

In Serie C c’è una pianticella che cresce bene: Pinto si è preso l’Arezzo. E Corvino osserva

De Paul rivela: “In estate potevo andare alla Fiorentina, ma l’Udinese…”

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Sbroz - 5 giorni fa

    Se non si vince domani contro questi scalzi e gnudi si può veramente smettere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy