“O risorgiamo come squadra o cederemo, un centimetro alla volta”

“O risorgiamo come squadra o cederemo, un centimetro alla volta”

La Fiorentina deve provare a cambiare marcia fin dalla partita di Europa League contro lo Slovan. Tre punti in Repubblica Ceca. Una non vittoria, però, non farebbe altro che alimentare le critiche dei tifosi

“Ora noi o risorgiamo come squadra o cederemo, un centimetro alla volta, uno schema dopo l’altro, fino alla disfatta”. Parlava così Tony D’Amato, alias Al Pacino, nel celebre discorso allo spogliatoio del film “Ogni maledetta domenica”. Parole, probabilmente, fin troppo dure, quasi catastrofiche se messe in relazione alla Fiorentina, ma che spiegano bene il momento che stanno vivendo i viola. All’orizzonte non c’è nessun rischio di disfatta, su questo punto di vista è bene non farsi assalire dal pessimismo cosmico di leopardiana memoria, ma non c’è dubbio che la formazione gigliata debba provare ad uscire dal torpore e a cambiare marcia. Insomma: a risorgere, come diceva Al Pacino nella pellicola del 1999 diretta dal maestro Oliver Stone. A cominciare dalla partita di giovedì contro lo Slovan Liberec in Europa League. Gara non certo impossibile che la Fiorentina dovrà cercare di portare a casa, anche non giocando bene. I risultati, adesso, contano più del solito. Per pensare all’estetica ci sarà tempo.

Un eventuale successo in Repubblica Ceca non risolverebbe tutti i problemi, ci mancherebbe, ma allenterebbe un po’ di tensioni, fuori e dentro lo spogliatoio. La pazienza dei tifosi sta finendo, i fischi dopo lo scialbo 0-0 contro l’Atalanta sono lì a testimoniarlo. Per questo i tre punti sarebbero un’importante medicina. Una non vittoria, però, – per di più contro una squadra terzultima nel proprio campionato – non farebbe altro che alimentare le critiche della piazza. Mettersi alle spalle questo periodo diventerebbe ancor più complicato. Il tutto a pochi giorni dall’insidiosa gara contro il Cagliari, con il morale a mille dopo la bella impresa di San Siro con l’Inter.

I giocatori devono dimostrare di avere gli attributi, su quest’aspetto il Franchi è stato chiaro domenica. Lo stesso discorso vale anche per Sousa e non solo in ottica Slovan Liberec. Il portoghese tiri fuori la grinta e provi, magari, a “trasformarsi” in Tony D’Amato.

3 commenti

3 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Gaetano - 2 mesi fa

    Siamo al ridicolo! Pensavo che solo i tifosi napoletani fossero esagerati in tutto, vedo che anche quelli della Fiorentina non scherzano! Retrocessione!!?? Ma per favore… ma fatevi una pizza!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. ELROND - 2 mesi fa

    Signori miei, manteniamo la calma e cerchiamo di ragionare a bocce ferme e a mente fredda e lucida. Io sono d’accordo con il coccobille sulla eventualità della retrocessione. Vi spiego questo mio catastrofismo:
    -in classifica siamo a +3 dalla zona retrocessione e già qui scatta l’allarme salvezza
    -2 punti su 9 li abbiamo ottenuti in maniera fraudolenta in occasione del Gran Furto in quel di Firenze contro la Roma. Pete dire che si è goduto doppio ecc, ma non cambia il fatto che in quella partita avremmo meritato il pareggio più che la vittoria. E già qui ci si accorge che la classifica arrotonda per eccesso il valore della squadra.
    -La partita rinviata di Genova sarebbe finita quasi sicuramente con una sconfitta per noi e probabilmente lo sarà visto l’andazzo.
    -Nelle ultime 2 gare abbiamo fatto pena. Non abbiamo subito gol è vero, ma il fattore C scade dopo 2 settimane se uno non lo sfrutta. Noi lo abbiamo sfruttato a metà.
    -Analizzando i punti precedenti si vede come i 9 punti in classifica ci stiano larghissimi.
    -A Gennaio non compreremo nessuno.
    -Paolo Scusa ha perso irrimediabilmente la sua lucidità.
    -La squadra non è più con Paolo Scusa
    -I tifosi sono divisi dalla squadra, dalla società e fra di loro, salvo eccezioni
    -Segniamo pochissimo
    -Non ci s’ha gioco offensivo
    -La difesa si affida perennemente a TataruSanto, che è Santo, ma ancora i miracoli non li sa fare.
    -Perlomeno però si pigliano pochi goals.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. coccobille - 2 mesi fa

    Mi sembra che il problema della retrocessione sia sottovalutato da tutti stiamo attenti perché una volta invischiati e’ difficile venirne fuori

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy