Napoli rabbioso ma fragile: Fiorentina, se non ora quando? Ma da perdere c’è tanto…

Napoli rabbioso ma fragile: Fiorentina, se non ora quando? Ma da perdere c’è tanto…

A Napoli sarà durissima per la Fiorentina, ma alcuni segnali fanno ben sperare. A patto di crederci davvero

di Simone Bargellini, @SimBarg

Sarà una partita difficilissima per la Fiorentina. Specifichiamolo subito, giusto per non essere fraintesi. Ma del resto non è mai stata facile al San Paolo e tanto meno negli ultimi anni in cui gli azzurri hanno sensibilmente alzato l’asticella, mentre i viola l’hanno abbassata ritrovandosi per due anni di fila fuori dall’Europa. E come se non bastasse la Fiorentina si troverà di fronte una squadra rabbiosa, a caccia di vendetta dopo il 3-0 made in Simeone rimediato al Franchi lo scorso maggio. “Il momento più doloroso in 12 anni” ha detto oggi Hamsik.

Eppure, nonostante le premesse, ci sentiamo di dire che questa partita arriva nel momento ideale per la Fiorentina. Perchè tanto, prima o poi, in casa del Napoli doveva presentarsi, e cosa c’è di meglio che farlo con questa classifica e con una rosa quasi al completo (al netto di Lafont), con il rientro di Veretout e Pjaca-Mirallas in rampa di lancio? Per giunta contro una formazione già sotto pressione, dopo l’inatteso ko con la Samp che ha scalfito – forse – un po’ di certezze. Mettiamoci anche un pubblico che non dovrebbe essere esattamente il dodicesimo uomo in campo… Insomma è una bella occasione per la Fiorentina. Ma guai a pensare che non ci sia niente da perdere, serviranno coraggio e un po’ di sana follia per dimostrare che l’ottimo inizio di stagione non è stato un’illusione.

 

vnconsiglia1-e1510555251366

Chiarugi: “Viola di Pioli un po’ pazzi come noi. Fascia? No a polemiche assurde”

Il Cholo Simeone: “Giovanni all’Atletico? Senza di me. Non allenerò mai mio figlio perchè…”

5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. muschio23 - 3 mesi fa

    Il Napoli ha molti più tifosi di noi ok, ma come storia ce la giochiamo.
    Se vogliamo tornare ad essere competitivi bisogna cominciare ad andare a giocare queste trasferte per vincerle, anche perché la rosa rispetto allo scorso anno è decisamente migliorata (panchina compresa), e a Napoli non c’è più mister Sarri a fare miracoli.

    PS Redazione, sapete con che maglia giocheremo Sabato? Cosi, per curiosità!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone Torricini - 3 mesi fa

      Ciao, no, purtroppo non lo sappiamo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. kk53 - 3 mesi fa

    Credo che se c’è qualcuno che ha da perdere di più questo è il Napoli,gioca in casa, viene da una sconfitta salata,e se mettiamo a confronto la partita fatta lo scorso campionato a Napoli dove nel finale rischiammo di vincerla,ora questa
    compagine mi sembra decisamente più completa della scorsa,ed è su questo che la
    Fiorentina deve far leva psicologica,poi si sà la palla è tonda….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Marco Chianti - 3 mesi fa

    Non ho assolutamente capito il discorso secondo cui non c’è niente da perdere. La Fiorentina è nettamente sfavorita, la pressione ce la deve avere tutta il Napoli, unica cosa che dobbiamo pretendere è il massimo impegno il resto è tutto da guadagnare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone Bargellini - 3 mesi fa

      Il senso che volevo far passare è che se la Fiorentina ambisce a tornare competitiva, deve andare ovunque con la mentalità di fare punti, anche sui campi dove non parte favorita, anzichè partire dal presupposto che vada bene qualsiasi risultato “tanto non c’è niente da perdere”. Un saluto

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy