Moena, a febbraio riunione per le date. Obiettivi: artisti in ritiro, migliorie e il secondo campo

Moena, a febbraio riunione per le date. Obiettivi: artisti in ritiro, migliorie e il secondo campo

La Fiorentina sarà a Moena per l’ottavo anno consecutivo, come da contratto: sono previste ulteriori novità rispetto alle passate stagioni

di Giacomo Brunetti, @gia_brunetti

Il primo colloquio per pianificare l’estate 2019 a tinte viola è arrivato quasi per caso, durante le vacanze natalizie, quando il Vicepresidente della Fiorentina Gino Salica ha trascorso alcuni giorni in Val di Fassa, incontrando il Presidente dell’ATP Andrea Weiss: un’occasione per confrontarsi sulle tematiche e i possibili miglioramenti in vista dell’ottavo ritiro a Moena. Mancano ancora sette mesi, ma i preparativi iniziano a fervere.

LE DATE – Il primo punto è segnato dal calendario. I tifosi viola potranno presto conoscere i giorni da trascorrere in Trentino Alto-Adige: a febbraio avverrà la prima riunione per stabilire le date, come sempre a prescindere dal possibile piazzamento europeo per motivi di organizzazione, dalle prenotazioni nell’albergo ‘Dolce Casa’ fino all’organizzazione degli eventi e dell’accoglienza. Nel 2018, la Fiorentina si ritrovò a Moena dal 7 al 22 luglio, tre giorni dopo l’alluvione che colpì la cittadina dolomitica, ripresasi ottimamente nonostante i danni.

IL SECONDO CAMPO – Da anni l’amministrazione comunale si è prefissata un obiettivo: la costruzione del secondo terreno da gioco regolamentare, attiguo al ‘Benatti’. Il Comune sta trattando con i numerosi privati i terreni necessari all’ingrandimento del sussidiario già presente. I vari appezzamenti, vecchi orti ormai in disuso, sono di proprietà di alcuni cittadini con i quali sono in corso affari per l’acquisizione senza esproprio e attualmente rappresentano il punto di partenza della Marcialonga, la più importante competizione di granfondo in Italia, nella cosiddetta “piana di Moena” (quest’anno la disputerà anche un grande ex viola). Il sogno è erigere l’impianto nel 2020, per l’eventuale ultimo anno di accordo con la Fiorentina.

L’ARTE AL POTERE – Nelle intenzioni del comitato organizzatore c’è la volontà di aumentare le attrazioni artistiche. Nei prossimi incontri verrà sviluppato maggiormente il Viola Village – che staziona all’esterno del ‘Benatti’ – per migliorare le alternative a disposizione dei tifosi. Inoltre, Moena vorrebbe invitare alcuni tifosi vip – cantanti o intrattenitori – come già accade nei ritiri di altre squadre della massima serie. Sempre con il traino del Trentino, la Fiorentina ospiterà a cavallo tra aprile e maggio le autorità al fine di presentare le novità che attenderanno il mondo viola in Val di Fassa.

Violanews consiglia

Traoré, le difficoltà per mano con il fratello. Tra i grandi… con quella telefonata di G. Galli

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy