M. Orlando: “Con Muriel è un’altra musica. Della Valle? Vittorio ci metteva amore”

M. Orlando: “Con Muriel è un’altra musica. Della Valle? Vittorio ci metteva amore”

Le parole sul presente e sul passato viola: Massimo Orlando parla del momento della Fiorentina

di Redazione VN

Intervenuto negli studi di Radio Bruno, l’ex viola Massimo Orlando ha parlato del momento viola e non solo: “Secondo me la Fiorentina ha le carte per giocare in contropiede. Fino ad adesso Simeone è stato là davanti un attaccante classico, di riferimento, anche se si è sempre mosso molto. Con Muriel e Chiesa è tutta un’altra musica, i viola adesso non danno punti di riferimento e se riescono a sbloccare le partite subito come contro Chievo o Roma è più facile trovare l’imbucata o comunque una soluzione giusta per andare in porta.

Della Valle? Rispetto all’epoca di Cecchi Gori la società è più organizzata e professionale, l’unico appunto che possiamo fargli è che manca un po’ di calore. Antognoni ha portato un po’ più di vicinanza, ma la gente vorrebbe sognare il grande acquisto come ai tempi di Vittorio, che ogni tanto partiva con una delle sue sparate. I Della Valle non vogliono promettere niente di tutto ciò, sono pragmatici ma a volte servirebbe un po’ più d’amore. Chiesa? Nel calcio di oggi non è facile trattenere certi giocatori. Certo che l’ossatura della nazionale di Mancini è viola, visto che ci sono lui, Zaniolo e Bernardeschi che sono usciti dal settore giovanile della Fiorentina”.

Infine: “Rapporto con Batistuta? Ho sempre detto che come giocatore è indiscutibile, ma quando smetti non puoi essere la stessa persona: certi comportamenti fuori dal campo mi hanno dato fastidio, ma ormai è acqua passata”.

vnconsiglia1-e1510555251366

Rusic confessa: “Separarsi da V. Cecchi Gori è stato terribile. Ora gli dico come prendere la vita”

Nardella sul nuovo stadio: “Ottimista, i Della Valle vogliono arrivare in fondo”

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Dellone68 - 2 mesi fa

    Calore?? Il clima degli Stati Uniti di questi giorni (-40 di media) è più caldo del calore che promana dai corpi della nostra proprietà e management (Sciarpato maggiore, minore, Gnigni + DS da Vernole). Neanche quando vincemmo 4-2 con la Rube furono capaci di emozionarsi. Anzi, dalle loro facce pareva che si chiedessero “ma come è possibile? Che cosa succede?”. Solo plusvalenze e plusvalori al posto del cuore. Altro che calore.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy