La firma di Chiesa

La firma di Chiesa

Quella sulla partita… e quella sul contratto?

Ottantunesimo minuto. Stefano Pioli sostituisce un magistrale Federico Chiesa con Valentin Eysseric, al rientro dopo il dolore patito nella gara contro la Sampdoria. Il ‘Franchi’ si alza in piedi per applaudire il suo numero 25, quello che ogni volta che ingrana la progressione fa emozionare l’impianto. Aveva iniziato in sordina, in linea con la prestazione generale della squadra, salvo poi crescere nell’arco di pochi minuti: prima una conclusione a giro che si spegne a lato, poi una “galoppata” di settanta metri che tiene il fiato sospeso e la tensione a mille nella scala dei sentimenti.

È lui il simbolo e l’uomo in più di questa Fiorentina che cresce, anche nel cinismo. In una trequarti ancora troppo poco amalgamata e funzionante, offuscata inoltre dall’ottimo sistema difensivo bolognese, Chiesa riesce a divincolarsi e creare. A tratti sa essere imprendibile, la sua continuità all’interno di una singola partita sta crescendo di pari passo con le sue qualità. Quando riceve il pallone, punta due uomini, si accentra e calcia a giro verso il secondo palo, Mirante non può intervenire: il boato e l’abbraccio con i tifosi sono la dovuta conseguenza di un gesto tecnico che esalta e fa pensare. Anche al futuro.

Perché la serata è rasserenata dall’incornata di German Pezzella, ma le ombre di ciò che sarà del ragazzino nato a Genova sono sempre presenti. La sua firma sulla gara di ieri è il preambolo a quella sul contratto? Il padre Enrico – che ne cura gli interessi – e Pantaleo Corvino, a breve, dovrebbero trovare l’intesa, la seconda in poco tempo, dopo quella siglata successivamente all’exploit di Chiesa nella scorsa stagione. Poco più di un milione, stipendio quasi triplicato e prolungamento dell’accordo di un anno: questi dovrebbero essere i termini. Con un occhio al presente e uno al futuro. L’asta, all’oscuro, è già iniziata: il Napoli ha provato ad anticipare tutti, ma non ci è riuscito.

Intanto Firenze si gode il suo nuovo beniamino, cancellando chi in passato gli ha voltato le spalle deludendola. Pioli è partito con poche certezze, Chiesa era tra queste: la Fiorentina ha perso molti giocatori che possono fare la differenza, sicuramente non tutti.

5 commenti

5 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. click - 5 giorni fa

    che rimanga o vada via son cose future. non ci preoccupano ora. tantomeno le si possano controllare. Ma godiamoci il ragazzo. Ottimo su tutta la linea. Un campione sportivo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Tagliagobbi - 6 giorni fa

    Che palle… Non ci volete far passare una giornata tranquilla. Ora partiranno gli articoli sulle aste oscure per Chiesa. Comincio ad essere un po’ stanco…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. BVLGARO - 6 giorni fa

    questo qua mi fa sognare, sarò all’ antica ma in lui rivedo Totti o Del Piero. spero che Chiesa leghi per sempre il suo nome a quello della nostra amata VIOLA. E’ un campione dentro e fuori dal campo e da lui possiamo ripartire. Abbiamo anche noi il nostro CR7 e si chiama Federico Chiesa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. user-2073653 - 6 giorni fa

      Spero di sbagliarmi, ma anche fosse come dici, temo che potremmo rivedere quanto accadde con Baggio…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. BVLGARO - 5 giorni fa

        Baggio era un fumino e ha litigato con quasi tutti gli allenatori. un grande talento, unico probabilmente in Italia, abbinato ad un carattere molto particolare e introverso. Chiesa ha la testa sulle spalle, crede nella famiglia, nell’ amicizia e nei valori importanti della vita. Chiesa, nonostante debba ancora dimostrare tutto può essere ancora più utile alla causa viola rispetto a Baggio. Chiesa potrebbe davvero rimanere viola a vita.X sempre

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy