La Fiorentina “festeggia” il mesiversario. Lo scoglio Juve fa aumentare i rimpianti per i pareggi

La Fiorentina “festeggia” il mesiversario. Lo scoglio Juve fa aumentare i rimpianti per i pareggi

Le partite da vincere a tutti i costi erano quelle contro Cagliari, Frosinone e Bologna viste le difficoltà di conquistare punti contro la Juve. Una sconfitta domani sarebbe normale, ma farebbe diventare ancor più grigia la classifica. La Fiorentina sarebbe costretta a sbagliare il meno possibile per risalire

di Stefano Niccoli, @stefanoniccoli3

La Fiorentina festeggia il mesiversario. Peccato, però, che il verbo abbia una connotazione negativa. 30 settembre-30 novembre: sono passati esattamente due mesi dall’ultima vittoria viola. A farne le spese, lo sappiamo, fu l’Atalanta, sconfitta al termine di un match all’insegna delle polemiche.

La Fiorentina volava vincendo le partite che “doveva” vincere: Chievo, Udinese, Spal e, appunto, Atalanta. Insomma: fino a sessanta giorni fa i gigliati erano in perfetta linea con gli obiettivi.

La sconfitta contro la Lazio e, soprattutto, i successivi pareggi hanno intaccato le certezze del gruppo. I ragazzi di Stefano Pioli non sono più riusciti a fare il loro dovere. Passino i pari contro Torino e Roma, ma quelli contro Cagliari, Frosinone e Bologna bruciano da morire. Le gare da vincere a tutti i costi erano queste tre viste le difficoltà a conquistare punti domani pomeriggio contro la Juventus. Un’eventuale sconfitta contro la Vecchia Signora (tocchiamo ferro) sarebbe normale, ma – proprio alla luce dei tanti X consecutivi – farebbe diventare ancor più anonima la classifica. Niente sarebbe perduto, per carità, il tempo per recuperare posizioni non mancherebbe, ma chiaramente la Fiorentina dovrebbe sbagliare il meno possibile.

vnconsiglia1-e1510555251366

Pioli: “Nessuna squadra è imbattibile. Non dobbiamo cercare la partita perfetta. Ho già scelto i titolari”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy