La coreografia e il sostegno delle grandi occasioni: il Franchi è stato la voce in più

La coreografia e il sostegno delle grandi occasioni: il Franchi è stato la voce in più

La semifinale di andata ha raccolto quasi 35mila spettatori, e il dinamismo della partita ha contribuito a renderlo caldissimo

di Simone Torricini, @TorriciniSimone

Erano attesi in più di 33mila, e tanti ne sono arrivati. I tifosi della Fiorentina a sostegno della squadra di Pioli hanno fatto da cornice alla semifinale d’andata di Coppa Italia con una passione e un sentimento che non si percepivano da un po’, tra le mura del Franchi. Pioli lo ha apprezzato nel postpartita: «Non posso che essere contento dell’ambiente che si è creato: a Firenze si respira un’aria diversa allo stadio». Un ambiente, quello di cui parla il tecnico, che aveva le sue radici già nell’allenamento a porte aperte di ieri, dove sono accorsi a migliaia in vista della gara di stasera.

Coreografia Astori

A fare da anteprima al tifo, esaltato dall’uno-due a firma di Chiesa e Benassi nel primo tempo, è stata una meravigliosa coreografia dedicata a Davide Astori, tornato violentemente al centro del discorso pubblico per via degli insulti rivolti alla sua memoria dopo Fiorentina-Inter. La Curva Fiesole ha condito l’inno del prepartita con una maxi-fascia da capitano, la versione ingrandita di quella portata da Chiesa al braccio in assenza di Pezzella. Al contempo gli altri 33mila sventolavano al cielo delle bandierine viola con il numero che fu del Capitano. Sotto la Curva, poi, un nuovo striscione dedicato ad Astori: «Il tuo ricordo scolpito nella mente e la consapevolezza che niente potrà mai cancellarlo».

Violanews consiglia

PAGELLE VN: Menomale che Chiesa c’è. Hugo perde la bussola, Lafont sbaglia. Pioli…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy