Il padre di Hagi azzarda: “Vincerà il Pallone d’Oro”. E Corvino si difende: “Via non per colpa mia”

Il padre di Hagi azzarda: “Vincerà il Pallone d’Oro”. E Corvino si difende: “Via non per colpa mia”

Corvino si difende dalle frecciate di Hagi: “Sono state scelte degli allenatori”

di Simone Bargellini, @SimBarg

Ianis Hagi ha ripreso da dove aveva lasciato al Viitorul Costanta, in Serie A romena. Maglia numero 10 e fascia di capitano, ma anche incaricato di tutti i calci piazzati. E dopo il palo colpito su punizione nel penultimo turno, in questo weekend il 20enne ex viola ha segnato su rigore il gol decisivo… contro la Juventus di Bucarest. E così il padre Gheorghe non ha perso occasione per lanciare altre frecciate alla Fiorentina nella giornata di ieri. Oggi, invece, in un’intervista a monitorulvn, il “Maradona dei Carpazi” ha detto: “Ianis è un grande talento e ha la giusta mentalità per fare il calciatore. Come giocatori siamo diversi. È forte e ambizioso e sa di dover fare sacrifici se vuole andare in un grande club. So che un giorno potrebbe vincere il Pallone d’Oro” ha detto il padre.

Nel frattempo Pantaleo Corvino si difende: “Sono stati gli allenatori a non far giocare Ianis, non io. Non è stata una mia scelta che non giocasse nella Fiorentina” sarebbe il pensiero del dg viola stando a quanto riporta libertatea.ro.

Caricamento sondaggio...

 

vnconsiglia1-e1510555251366

Fiorentina, hai perso un tesoro: ora Piccini vale oro! Ecco la sua valutazione

9 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. gibstudi_66 - 6 mesi fa

    Non è mai colpa sua, è un maneggione e basta…….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. pino.guastell_474 - 6 mesi fa

    Questo sente vicina la sua cacciata dalla Fiorentina e scarica tutte le colpe del mancato utilizzo di Hagi sugli allenatori e di Pioli in particolare. Vi sembrerà strano, ma sono felice che Corvino prenda le distanze dalle scelte di Pioli. Sarebbe cosa buona apprendere che Corvino metta al bando un allenatore mediocre come l signor Pioli, che ha fatto un sacco di danni e ha fatto perdere partite e punti alla Viola. Via Pioli: è l’allenatore più scarso che allena in serie A. Ma via anche Corvino per avere sbagliato la campagna acquisti, scialacquando decina e decina di milioni per fare arrivare alla Fiorentina gli scarti delle altre società europee.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. woyzeck - 6 mesi fa

    Che idiozia! Anche se non gioca non devi mica venderlo per forza, mandalo in prestito!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. nando540 - 6 mesi fa

    forse se aveva più pazienza e farsi esperienza nella primavera chissà, invece suo padre gli a messo fretta non è stato un buon consigliere . la serie A romena è come la serie C italiana quindi gioca nella giusta categoria.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. rudy - 6 mesi fa

    Ho visto anni fa giocare nel Campionato Primavera giocatori come Totti, Del Piero, Flachi e più recentemente il figlio del signore intervistato qui sopra. I primi tre vincevano le partite da soli, non mi risulta altrettanto di Hagi jr., quindi suggerirei al romeno prudenza nei pronostici.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. user-2073653 - 6 mesi fa

    Giusto, quando mai Corvino ha colpa di qualcosa…non è il top player dei DG, come diceva Furio Valcareggi? Ma anche dandogli ragione, c’è una cosa che continuo a non capire: come mai Savio Nsereko lo abbiamo tenuto a bilancio diverse stagioni tra un prestito e l’altro e Hagi è stato mandato via dopo una stagione e mezzo senza avergli fatto fare molto di più che qualche apparizione in primavera? È peggio di Savio Nsereko?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Gerber - 6 mesi fa

    …fori mea!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. massimo_383 - 6 mesi fa

    Corvino, sei un cialtrone, se dipendesse da me ti caccerei a pedate

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Up The Violets - 6 mesi fa

    Al di là del fatto che di Hagi m’importa il giusto, è strano: mi risulta che “gli allenatori” li abbia presi lui, qua non ci son venuti da soli. E mi risulta anche che, per gerarchia, siano “gli allenatori” a dover fare quello che dice lui e non viceversa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy