Forbes, anche Diego e Andrea Della Valle tra gli uomini più ricchi del mondo

Forbes, anche Diego e Andrea Della Valle tra gli uomini più ricchi del mondo

Patrimonio complessivo stimato in 2,7 miliardi di dollari

di Redazione VN

Ci sono anche Diego e Andrea Della Valle tra gli uomini più ricchi del mondo. Nella classifica stilata annualmente dalla rivista Forbes, i proprietari della Fiorentina figurano alle posizioni numero 1605 e 1756, rispettivamente con un patrimonio personale di 1,4 e 1,3 miliardi di dollari. In testa alla classifica figura Jeff Bezos (capo di Amazon, 131 miliardi di patrimonio), seguito da Bill Gates (Microsoft, 96.5 miliardi) e Warren Buffett (82.5 miliardi). Tra gli italiani, il più ricco è Giovanni Ferrero (39°; 22,4 miliardi di euro).

Violanews consiglia

Muriel: “Firenze era quello che cercavo. Sogno di diventare grande insieme alla Fiorentina”

Montesano: “Chiesa e Simeone figli di grandi laziali. Per la Lazio sarà ardua al Franchi”

9 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-2073653 - 3 mesi fa

    Di sicuro non perderanno posizioni a causa del calcio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Bob - 3 mesi fa

    Con tutto il rispetto Pove roba sentiamo gli Aleotti della Menarini….7.4 miliardi…dovrebbero essere di Firenze ma magari sono Gobbi….sigh

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. L'Omino di Ferro - 3 mesi fa

    Massimiliana Landini Aleotti, della fiorentina Menarini ne ha 7,4 di miliardi … 5 volte Diegone … Invece di fare tanti striscioni polemici, gazebo davanti la Menarini fino a che non compra la viola. O no ?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. TonyManero - 3 mesi fa

    La famiglia Saputo, proprietaria del Bologna, con 5,4 miliardi è alla posizione 343.
    Volete fare cambio bottegai?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Violentina - 3 mesi fa

    buon per loro. comprino il macerata, mollino la pezza e festa fatta. (a scanso di equivoci.. ho spalato la neve a gubbio.)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. VaiaVaiaBrodo - 3 mesi fa

    Sempre caro mi fu questo tesoretto,
    E questa plusvalenza, che da tanta parte
    Dell’ultimo orizzonte il guardo esclude.
    Ma sedendo e mirando, interminate
    sconfitte di là da quella, e sovrumane
    eliminazioni, e profondissima mediocrità
    Io nel progetto mi fingo; ove per poco
    Il cor non si spaura. E come il vento
    Odo stormir tra queste tempeste di idee, io quello
    Infinito tesoretto a questa plusvalenza
    Vo comparando: e mi sovvien l’braccino,
    E le morte stagioni, e la presente
    E viva, e il suon di lei. Così tra questa
    nullità s’annega il pensier mio:
    E il naufragar m’è dolce in questo mare (di vaini).

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. filimone - 3 mesi fa

      Mutico

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Ghibellino viola - 3 mesi fa

      Stupendo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. IBBRA - 3 mesi fa

    facciamoci sponsorizzare dalla Nutella..

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy