Flachi: “Serve più cinismo sotto porta. Simeone potrebbe cambiare il suo gioco”

Flachi: “Serve più cinismo sotto porta. Simeone potrebbe cambiare il suo gioco”

L’ex viola ha parlato della Fiorentina e nello specifico di alcuni singoli elementi come Simeone e Pjaca

di Redazione VN

L’ex viola Francesco Flachi ospite negli studi radiofonici di Radio Bruno Toscana ha rilasciato alcune dichiarazioni nel corso del Pentasport:

La Fiorentina deve essere semplicemente più brava e cattiva sotto porta. Il problema è quando non si riesce a creare occasioni da gol. La squadra viola è sempre riuscita a rendersi pericolosa nelle partite giocate finora ma spesso nell’arco dei novanta minuti non ha sfruttato le occasioni da gol capitate. La cattiveria sotto porta? Ti viene giocando, ti viene fuori anche con gli stimoli che si può ricevere. Serve pazienza, tempo, allenamento e concentrazione, perchè poi è facile cadere nell’egoismo, nell’ansia di non saper segnare…

Il Cholito secondo me è cresciuto molto rispetto alla passata stagione. Deve correr di meno e trovare la sua giusta collocazione. Forse se focalizzasse il suo gioco all’interno dell’area di rigore potrebbe rendere di più. A volte sala troppo per andare a prendersi il pallone, segno che riceve pochi palloni. C’è anche da dire che questo ragazzo non sta mai riposando tra Fiorentina e Nazionale, non dimentichiamoci di questo fattore.

Pjaca per me non è un giocatore da 4-3-3 perchè non ha la forza per rientrare in fase difensiva. Lo vedo più come una seconda punta. Si potrebbe cercare un’alternativa sfruttando Pjaca e Eysseryc come trequartisti.

Per Malesani posso spendere solo belle parole. Alla Fiorentina con lui riusci’ a ritagliarmi uno spazio in rosa e mi portava sempre in panchina per poi farmi subentrare. Fu sempre diretto e sincero con me, come con tutti i miei compagni. Quando a gennaio arrivò Edmundo mi disse che mi avrebbe tenuto lo stesso ma ovviamente spazio e minutaggio per me sarebbero ridotti molto. Nello spogliatoio gli volevamo tutti bene.

Pjaca è un giocatore importante e a volte capita che gli serva di più per riprendersi e riadattarsi. Poi può anche bastare una giocata o un gol a cambiare le cose. Penso che per ora c’è stato un buon turn over e non ha auto ancora la possibilità di mettersi in mostra realamente. Certo è ch non c’è solo lui perchè soprattutto in attacco c’è tanta concorrenza tra le file viola. Ora tocca a lui e soprattutto dovrà meritarsi e conquistarsi il posto.

 

Violanews consiglia

 

È una Fiorentina che spesso calcia bene, crossa poco e corre il giusto: le statistiche viola alla sosta

 

Corsi: “La Fiorentina sta lavorando bene, alla società rimprovero… la presentazione di Gomez”

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Etrusco - 2 mesi fa

    Flachi parliamoci chiaro, per vincere ci vuole una squadra coesa ma ci vuole pure un campione per settore di campo e noi eccetto Chiesa di altri possibili fuoriclasse per ora stiamo aspettando che sboccino definitivamente.
    Sia chiaro: per me questa squadra può fare grandi cose, è giovane e Pioli sta trovando finalmente una quadra dopo la prima stagione assolutamente tremenda (ma non solo per colpa sua, anzi).
    La dirigenza è stata chiara, soldi freschi non ne arriveranno e quindi dobbiamo fare con quello che abbiamo ma nonostante questo, la rosa attuale può crescere e pure molto.
    FVS!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy