Fiorentina-Atalanta: ecco perché è stato cambiato l’arbitro

Fiorentina-Atalanta: ecco perché è stato cambiato l’arbitro

Cambio in corsa per quanto riguarda la direzione di gara

di Redazione VN
Rizzoli-nicchi

di Simone Pagnini

Nessun giallo o secondo fine per quanto riguarda la sostituzione dell’arbitro designato per dirigere questa sera Fiorentina-Atalanta, andata della semifinale di Coppa Italia (CLICCA). Questa mattina l’arbitro Daniele Doveri ha accusato un’indisposizione ed è stato quindi sostituito da Piero Giacomelli che era invece stato designato al Var. Al suo posto all’attrezzatura tecnologica che sta sempre più catturando l’attenzione dei media, Rizzoli ha chiamato Manganiello. Tutto normale quindi, si tratta di un evento che a volte capita.

Coppa Italia – Segui le semifinali in TEMPO REALE

 

5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Larry_Smith - 3 settimane fa

    Avrei invece approfitatto della squalifica in campionato di Abisso per fargli fare un po’ di Coppa Italia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Powerfons - 3 settimane fa

    In altri termini: s’è cahato in mano!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. stini - 3 settimane fa

    Mi puzza ….mandiamoli il controllo INPS…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Il Viola di Gallipoli - 3 settimane fa

    Si si, e poi c’era la marmotta che confezionava la cioccolata…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Alan1971 - 3 settimane fa

    Di bene in meglio… proprio quello che ci voleva per stare al riparo da critiche varie…….. Giacomelli è quello di Lazio-Torino che non vide il clamoroso fallo di mano di Iago Falque e anzi buttò fuori immobile per apparente fallo su Burdisso (tutto documentato, basta googlare)…. se glielo nomini ad un laziale ti sputa addosso.

    Quello è stato il più clamoroso errore del VAR di questi 2 anni di utilizzo, al pari del polpastrello di Hugo (Mazzoleni), del rigore revocato in Fiorentina-Juve (Guida) e del petto di D’Ambrosio (Abisso).

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy