Così come dovrebbe essere

Così come dovrebbe essere

L’affare Traorè riapre la tratta tra Firenze ed Empoli, una strada che i Della Valle e Corsi dovrebbero percorrere abitudinariamente

di Giacomo Brunetti, @gia_brunetti

Il canale tra la Fiorentina e l’Empoli sembra essersi finalmente riaperto. Così come dovrebbe essere, perché negli anni il rapporto tra le due società è stato talmente freddo tanto da diventare un limite, come nel caso di Maurizio Sarri e del suo mancato approdo a Firenze. I viola hanno sempre sofferto la presenza sul territorio dei cugini, specialmente a livello giovanile, dove gli scippi non sono mancati e gli infuocati derby mai risparmiati. E invece la vicinanza deve essere forza.

VANTAGGI BILATERALI – La vicinanza tra le due società rappresenta un elemento positivo. La Fiorentina può dotarsi – come nel caso di Traorè – di una fucina di talenti a pochi chilometri, l’Empoli invece attingere in caso di necessità. Un canale privilegiato dal quale trarre beneficio: il rapporto altalenante tra le due proprietà, negli anni, non ha giovato in tal senso, ma la riapertura della tratta può fungere da bacino funzionale per entrambe le parti. I viola possono crearsi vantaggi sui talenti azzurri, viceversa al ‘Castellani’ possono arrivare baby da valorizzare o elementi fuori dai piani gigliati ma utili alla causa altrui, come Thereau.

SCAMBIO DI FAVORI – «I rapporti tra le due società sono ottimi: la Fiorentina si è mossa bene, dandoci la possibilità di tenere Traoré fino a giugno», ha spiegato il Presidente Fabrizio Corsi a TMW. Proprio sui vantaggi reciproci deve stabilizzarsi l’unione d’intenti: senza tirare la corda, senza pretendere sconti, bensì avvalendosi dei buoni uffici. Che si parli di Traorè, Vecino, Saponara o Di Lorenzo. Corvino è riuscito a superare una folta concorrenza per il centrocampista ivoriano – sbarbato ma già nella top-3 dei calciatori più giovani con il maggior numero di presenze nei principali campionati europei – aprendo anche al prestito di Vlahovic, affare dal quale tutti avrebbero da guadagnare.

VENIRSI INCONTROCome vi abbiamo anticipato, la Fiorentina verserà nelle case empolesi quattro tranches annuali da tre milioni di euro, una rateizzazione che, ad esempio, non è stata digerita dal co-proprietario del West Ham nell’operazione Obiang, quando David Sullivan ha posto il veto nella notte dopo che l’accordo era stato già raggiunto. Il pagamento dilazionato – utilizzato da tutte le squadre – è stato utilizzato anche per il riscatto di Saponara, dove i Della Valle hanno pagato Corsi con quote annuali a crescere. L’auspicio è che a quel tavolo le due proprietà possano sedersi ancora.

LEGGI ANCHE – Calciomercato invernale, tutte le operazioni concluse dalle squadre di Serie A

Violanews consiglia

Traoré, le difficoltà per mano con il fratello. Tra i grandi… con quella telefonata di G. Galli

11 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. CippoViola - 2 mesi fa

    Io sono contento che si allaccino rapporti sempre maggiori tra toscane, non per campanilismo ma solo perché mi sembra la cosa più normale da fare. Magari aumentassero gli scambi con più squadre oltre la Cremonese e la Ternana. Ne hanno da guadagnare tutte.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. vecchio briga - 2 mesi fa

    L’Empoli dovrebbe essere il nostro serbatoio. Ma anche tante altre squadre toscane, che invece sono legate alla Juve o all’Inter. È sempre stato così e non ho mai capito il perché. In serieA di toscani forti è piena la storia, passati da Firenze molto pochi. Vale anche per gli allenatori. Assurdo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Ammazzalavecchiacolgas - 2 mesi fa

      Ricordi quando la Fiorentina cercò di avviare un rapporto di collaborazione con il Prato? La storia è sempre quella, i campanili non gradiscono.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Obi Wan Kenobi - 2 mesi fa

    “I viola hanno sempre sofferto la presenza sul territorio dei cugini”. Caro Brunetti è solo una tua personalissima considerazione!!!!!! Forse non sei di Firenze. Noi soffriamo per altre presenze, credimi!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. gianni69 - 2 mesi fa

      il cognome sa di fiorentino,ma sai ,oramai siamo aihmè rimasti in pochi.forse hai ragione.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Ammazzalavecchiacolgas - 2 mesi fa

      In effetti c’importassai degli esterni, noi siamo fiorentini e in quanto tali adoriamo scannarci tra di noi. Sulle tradizioni non si scherza!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Cinghialino - 2 mesi fa

    Sarebbe una sinergia importante da sviluppare, speriamo nel futuro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Il Viola di Gallipoli - 2 mesi fa

    Se alla guida dei club ci sono dei tifosi, è normale che si estenda alla dirigenza il rapporto che esiste tra tifoserie e, diciamocelo, non ci sono “cugini” con cui vanno d’accordo i fiorentini 😀

    Pensando da azienda, invece, si comprende facilmente che il territorio si presta a tantissime utili sinergie che non possono far altro che fa crescere tutti.

    Se son rose…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. iG - 2 mesi fa

    a me pare come e’ …cioe’ che BBRACCINO e’ il Portaborse di CORSI

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Obi Wan Kenobi - 2 mesi fa

      Te sei veramente un caso serio. Per me i Della Valle t’hanno creato problemi in famiglia.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. gianni69 - 2 mesi fa

      ripigliati

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy