Bravo German, parole da capitano. Ma ci permettiamo di dissentire (in parte)

Bravo German, parole da capitano. Ma ci permettiamo di dissentire (in parte)

Pezzella difende la squadra e Pioli, però la Fiorentina merita tutte le critiche. E le vere risposte devono arrivare in campo

di Simone Bargellini, @SimBarg

A sentirlo, non è difficile capire cosa ha spinto la società e Pioli a sceglierlo come capitano della Fiorentina. German Pezzella parla bene (nonostante la lingua), parla da leader, usa toni pacati ma decisi. E da vero capitano difende la squadra a 360° in questo momento di difficoltà, difende i compagni (Simeone in primis), difende a spada tratta mister Pioli. Tutto bello e tutto giusto dal suo punto di vista e assolutamente apprezzabile. Ma probabilmente l’argentino sa per primo, in cuor suo, che le critiche che stanno arrivando alla squadra viola fanno parte del gioco. Anzi, sono meritate. Lo dice la classifica, per niente in linea con l’obiettivo dichiarato, lo dicono le prestazioni degli ultimi due mesi. Così come è sacrosanto mettere in discussione un attaccante che non segna da 10 partite e, allo stesso modo, un allenatore a cui manca la vittoria dal 30 settembre. Il problema della Fiorentina, semmai, è l’esser fin troppo coccolati dall’ambiente circostante. Basta guardare a quel che succede altrove: squadre contestate pur se qualificate agli Ottavi di Champions (Roma) o altre che vanno in ritiro pur essendo a -1 dal quarto posto (Lazio). E poi è stato lo stesso Pioli a ribadire, più volte, che l’essere giovani non può diventare una scusa… Quindi bravo Pezzella, ma le vere risposte devono arrivare dal campo. INTANTO UN DIFENSORE VIOLA FINISCE NEL MIRINO DELL’ATLETICO MADRID

17 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Horsenoname - 2 settimane fa

    Pezzella è logico che parli in questo modo , cosa dovrebbe dire ? Lui sa bene che c’è una società fantasma e menefreghista che pensa solamente al profitto , che è guidata da un DG incapace , sovrastimato e totalmente incompetente in materia , allenata alla meno peggio da un mister che ha collezionato esoneri su esoneri .
    I tifosi posaono farer queste considerazioni chi è a libro paga dei marchigiani può soltanto difendere l’indifendibile sperando di andarsene il prima possibile in una società più seria e concreta ; e venitre a raccontarmi che questi signori sonop seri perchè pagano regolarmente gli stipendi ed hanno i bilanci in regola con lo spauracchio del Fair – play finanziario che secondo me alla fine non serve a nulla , e il Milan è la prova di ciò che affermo , ci hanno sbeffeggiato per un’intera estate illudendoci di poter partecipare alla EL e poi molto seraficamente la UEFA indipendentemente al debito del Milan ha comunque permesso alla squadra di partecipare loro alla competizione , lasciandoci in braghe di tela senza appello , perchè non viene provato a commentare questi fallimenti invece di giustificare un mercato ridicolo e una gestione da miserabili ? Tuttavia a Firenze abbiamo le fette di prosciutto sugli occhi perchè continuiaqmo ad andare allo stadio sperando che possa cambiare qualcosa , con questa gentaglia al comando è già tanto se siamo ancora in serie A

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Marco Chianti - 2 settimane fa

    Ultima cosa: paragonare la rosa della Lazio e della Roma a quella della Fiorentina è cosa inaudita in questo momento. Sassuolo, Parma, Sampdoria. Sono questi i nostri rivali diretti in questo campionato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone Bargellini - 2 settimane fa

      Nessuno si è sognato di paragonare La rosa della Fiorentina a quella di Roma e Lazio (o almeno non io). Il paragone è con la Lazio che è a -1 dal quarto posto – il suo obiettivo – e manda la squadra in ritiro dopo 3 partite sotto tono. Alla Fiorentina- obiettivo settimo posto – che è dodicesima e gioca sotto tono da 2 mesi, non si vedono strigliate nè tantomeno provvedimenti dall’alto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Marco Chianti - 2 settimane fa

    Una squadra con una età media di 26/28 anni è l’ideale per giocare al calcio. Qui con la moda del “tutti giovani” non ci si rende conto che i punti persi per mancanza di esperienza non saranno pochi alla fine della fiera e che si rischia di perdere la bussola in caso di crisi. Credete che non lo sanno in casa Fiorentina? Ma un giovane se si rivela forte può portare una forte plusvalenza ed è questo che importa in società.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Claudio50 - 2 settimane fa

    German , a questo punto del campionato e con questi risultati non puo’ pretendere che i tifosi non critichino, anzi, dovrebbero individuare i responsabili di questa debacle. La squadra va lasciata in pace, perche se Corvino ha portato a Firenze dei bidoni, inutile contestare loro. Se ci sono 24/25 in rosa e il mister insiste sempre con gli stessi coi risultati che vediamo, e’ inutile contestare la squadra. Pioli deve spiegare perche la squadra si trova in questa situazione, con questi giocatori, e lui era contento di avere questa rosa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. user - 2 settimane fa

      l’ha detto a te che era contento?
      Non rispondermi col discorso che ha detto così quando intervistato perchè gli addetti ai lavori MAI dicono quello che pensano veramente in pubblico.
      Il tuo discorso potrebbe reggersi su fondamenta sbagliate…
      Se era contento o no lo sa solo lui ma stai tranquillo che presto si saprà anche noi…
      Montella docet,P.Sousa docet,Prandelli docet

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Marco Chianti - 2 settimane fa

    Il valore della squadra è pienamente rispecchiato dalla classifica attuale. Ottavo/dodicesimo posto. Allenatore da ottavo dodicesimo posto. Simeone? E’ in crisi. Nera. In una squadra normale starebbe un pò a rifiatare in panchina, vedendo gli altri giocare a volte un attaccante riacquista la rabbia necessaria per fare gol. C’è un piccolo particolare però: la Fiorentina è l’unica squadra professionistica del mondo a non avere un centravanti di riserva. In generale io direi per questo inizio di campionato un voto alla squadra di 6. Infamatemi ma quando si gioca con tutti ventenni, ventiduenni il rischio di incappare in periodi del genere c’è quindi ho voluto premiarla con uno 0,5 in più di incoraggiamento. Voto alla società: 0. Zero. Danno via Badelj come se ne avessimo potuto fare a meno di uomini di esperienza. Continuano a prendere in prestito ragazzini e scommesse che il più delle volte non si concretizzano. Stiamo dalla parte di questi ragazzi e di Pioli perché altrimenti si rischia grosso.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. user-13664476 - 2 settimane fa

    senza infierire ricordi i recenti errori contro Pavoletti e Betancur :lui è pagato noi rischiamo solo le coronarie.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Alan1971 - 2 settimane fa

    Sarebbe ora che questi milionari, tutti bravi ragazzi ma che non hanno mai lavorato 1 minuto in vita loro e che prendono 1 milione minimo l’anno per dare 4 calci ad una palla, che vivono nella bambagia con le loro wags, serviti, riveriti e coccolati, si assumessero le loro responsabilità, visto che a quanto pare l’assenza di una società degna di tal nome che lo faccia per conto loro è talmente evidente che non è neanche il caso di ripeterlo ancora (anche un banale ritiro qui non si vede da anni)
    “Assumersi le proprie responsabilità” per inciso, significa non parlare come se si fosse un estraneo che commenta la partita in bar, ma rendersi conto che sono loro che vanno in campo.

    Cosa si deve fare? dire che va tutto ben quando non vinci da 2 mesi e sei 12°…?
    Non si può neanche più criticare? Neanche più fischiare civilmente o fare un coro di disapprovazione?
    Neanche quelli che spendono 50 euro per andare a vedere una partita o farsi un abbonamento Pay? devono stare tutti zitti?
    Bisogna anche cambiare la realtà e dire quello che i poverini vogliono sentirsi dire, altrimenti si offende la loro suscettibilità, sennò i poveri angioletti stanno male?
    Bisogna “remare dalla stessa parte” ossia avvallare ogni scelta societaria, perfino la più criticabili e assurde, altrimenti si è gobbi, lenzuolai, gufi, rosiconi, mamme ebe, avvoltoi?

    E’ scritto giusto nell’articolo:
    “Il problema della Fiorentina, semmai, è l’essere fin troppo coccolati dall’ambiente circostante”
    Qui lo stadio è sempre pieno, le trasferte pure, mentre da altre parti, ad esempio i tifosi del Verona in B, apertamente contro Setti, disertano lo stadio in massa
    Questione di piazze, educazione, sensibilità, storia e situazioni diverse.

    Qui invece l’unica soluzione sembra essere sempre quella di dire sempre “pensiamo alla prossima” “i ragazzi hanno dato tutto” “siamo in linea con gli obiettivi (quali sarebbero poi?…)” e via dicendo.
    …e secondo loro anche i tifosi devono adeguarsi a questo, dicendo che va tutto bene, altrimenti la proprietà emette qualche permaloso comunicato?
    Non ho mai ragionato con la testa degli altri, nè mai lo farò: se giocano bene lo dico, se giocano male lo dico e il diritto di criticare è l’art. 21 della costituzione.
    A me in tasca non viene nulla, anzi: ma chi pretende l’assenza di critiche dopo aver pareggiato con Frosinone e Bologna, apice di 2 mesi di pareggi e sconfitte (lo 0-3 con la Juve neanche lo conto e tralascio di parlare degli ultimi 3 anni, per carità di patria) farebbe bene a farsi un bell’esame di coscienza e mettersi in testa che, in quel milione di euro che prendi all’anno, devi mettere in conto pure le critiche da parte dell’opinione pubblica, sennò cambia mestiere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. kiton - 2 settimane fa

      …e lo pigliano in pochi 1 milione alla Fiorentina

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Luigi Barzini - 2 settimane fa

    Caro Bargellini, non so perché ma lei è sempre “contro a prescindere”, sempre in polemica con la Fiorentina e sempre pronto a difendere la “casta” dei giornalisti che, in quanto a “bufale” e “mezze verità” non sono messi male.
    Leggo da qualche tempo i suoi scritti e le sue pagelle e mi astengo dal commentare in quanto, non essendo alla sua altezza intellettuale e professionale, non verrei considerato da chi ha così tanta immaginazione e fantasia.
    Ogni giorno su questo sito si alimentano polemiche oltre misura da parte della Redazione che, oramai, ha una linea editoriale ben precisa e con un obiettivo ben chiaro nell’alimentare la discussione per avere maggiori accessi e quindi maggiori introiti.
    Non discuto la critica, quella ci deve essere ed è legittima e, in qualche modo costruttiva, ma discuto la polemica gratuita che questo sito esercita nei confronti della situazione della Fiorentina che, badi bene, condanno e critico per una serie di ragioni che tutti sappiamo e legate strettamente alla proprietà ed alla dirigenza.
    Ho letto artioli allucinanti sulle responsabilità della cessione di Zaniolo a tutta pagina, due ed anche tre volte al giorno.
    Ho letto articoli di Brunetti allucinanti sulle responsabilità del primo goal con la Juventus dove arrampicandosi sugli specchi cercava di difendere l’indifendibile.
    Non ho letto una semplice considerazione che voglio fare oppure un’ipotesi che avrebbe potuto verificarsi ma che nessun giornalista ha fatto presente.
    Abbiamo perso due punti con il Cagliari con un pareggio da comiche e dove meritavamo di vincere.
    Abbiamo perso due punti a Frosinone con un tiro all’ultimo minuto dove meritavamo di vincere.
    Abbiamo perso due punti a Bologna dove con sette azioni da goal non ne è stata concretizzata nessuna e meritavamo di vincere.
    Dove starebbe adesso la discussione con 6 punti in più? Si focalizzerebbe sullo 0-3 con la Juve?

    Sia con il Cagliari che con il Frosinone ed il Bologna non abbiamo dimostrato di essere una squadra con personalità, con carattere ma potevano arrivare sei punti meritati ed adesso lei sarebbe qui a elogiare i 24 punti in classifica.
    Imparate ad essere più equilibrati a cominciare dalla vostra linea editoriale e ad essere più onesti con i tifosi lasciando perdere inutili polemiche che non sono da chi è vicino alla Fiorentina.”

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone Bargellini - 2 settimane fa

      Caro Luigi, mi spiace che tu veda dietrologie dove non ci sono. C’è qualcosa nel mio pezzo che non corrisponde al vero? Sono i fatti che parlano, purtroppo. Se ci mettiamo a fare la conta di cosa “meritavamo”, allora dovremmo citare anche la partita con l’Atalanta dove NON meritavamo di vincere (poi le comiche col Cagliari non capisco a che si riferiscano). Quanto al pezzo di Brunetti, riportava testualmente una frase detta da Pioli, quindi di cosa si parla? Idem per Zaniolo, svincolato dalla Fiorentina a fine agosto 2016 quando Corvino era già in carica da 3 mesi, dunque perchè non dovrebbe essere ricondotto ad una sua scelta, scusami? Non è tutto “pro” e “contro”, ci sono i fatti e noi cerchiamo di analizzarli nel modo più lucido possibile. Un saluto

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. cesarecp - 2 settimane fa

      Barzini ha un’idea di cosa significhi probabilità? qual’è la probabilità del verificarsi di così tante cause avverse e in una serie così ripetuta? Ho paura che sia piccola. La logica ci suggerisce che le ragioni sono da ricercarsi nell’accadimento più semplice (il famoso rasoio di Occam). Che ne dice di rosa mediocre, costruita in modo sbagliato e allenata peggio?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Luigi Barzini - 2 settimane fa

        Gli esperti di mercato non dicevano questo ma se lei se ne intende di più io mi inchino.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. user - 2 settimane fa

          Si inchini anche davanti a me perchè anche io ho detto varie volte che la squadra era modesta,nè più nè meno quella dello scorso anno,e questo da luglio in poi…
          Non solo, se vuole sapere di più quando i giornalisti “ottimisti” parlavano di tridente da 45 gol,bastava andare a vedere quante reti avevano segnato Pjaca,Simeone e Chiesa negli anni immediatamente precedenti questo; e si poteva benissimo capire che:Pjaca 4 gol negli ultimi 3 anni(43 in 8 anni di carriera + un infortunio) NON è una punta che segna,Simeone lo si sapeva anche prima e Chiesa non essendo uno che gioca vicino alla porta stazionando largo e aggiungo io,non essendo il padre,di gol ne avrebbe fatti pochi.Non importava essere il mago Otelma per capire questo basta intendersi un pò di calcio e andare a vedere le statistiche.In conclusione se gli esperti di mercato sono Rialti o qualche procuratore che intervistato se ne guarderà bene dal dire;magari,quello che pensa veramente,stiamo freshi,anzi freschissimi…Occhio agli esperti di mercato…

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Gariboldi - 2 settimane fa

      Discorsi vuoti e privi di senso…di se e di ma son piene le fosse, se, se, se…è la realtà che conta e la realtà dice che abbiamo fatto 5 punti in 7 partite, con una squadra costruita male e allenata male, il resto son parole al vento.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Luigi Barzini - 2 settimane fa

        Guarda che parlare di calcio è parlare di vento e se non fosse così non dovremmo nemmeno essere qui. IO HO FATTO UN IPOTESI IRREALISTICA? PUò DARSI, SE LO DICE TE.

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy