Badelj un anno dopo Astori: “Ho capito che c’è qualcosa oltre a noi. Alla piccola Vittoria…”

Badelj un anno dopo Astori: “Ho capito che c’è qualcosa oltre a noi. Alla piccola Vittoria…”

Il ricordo di Astori nelle parole dell’ex viola Milan Badelj

di Redazione VN

Nei giorni della tragedia e del lutto, il riferimento dello spogliatoio viola fu Milan Badelj. Fu lui ad ereditare la fascia di capitano e a leggere la struggente lettera della squadra nel giorno del funerale. Ad un anno dalla scomparsa di Davide Astori, il croato lo ricorda così a Sky Sport: “Nella mia casa a Zagabria custodisco quella lettera e anche la fascia che ho indossato dopo di lui. Mi ricordo che quando vedevo sua figlia Vittoria prendevo un po’ di frutta che a lei piaceva tanto, e mi ricordo che una volta non gliela portai e lei ci rimase male. Le piaceva tanto l’uva e da allora questo frutto è diventato un simbolo del nostro rapporto. Col Benevento c’era un’aria irrespirabile, che ti fa capire che c’è qualcos’altro nel mondo oltre a noi. C’è lo spirito. Al Franchi si sentiva un clima surreale, non da questo mondo. All’inizio è stato uno shock ma poi mi sono ripreso. Lo abbraccerei per non lasciarlo mai”.

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. bernard - 3 mesi fa

    Però … sei andato via … e non è stata una bella cosa .

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. antonio capo d'orlando - 3 mesi fa

      Anch’io mi sono sentito tradito da Milan, però potrebbe essere stato un fattore psicologico a fargli lasciare la Viola. Non penso che con 300 mila euro in più, la sua vita sarebbe cambiata. Chissà! Forza Viola ed un saluto al grande Capitano!

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy