Avv. Dini torna sul VAR di Ferrara: “Interpretazione sbagliata del regolamento”

Avv. Dini torna sul VAR di Ferrara: “Interpretazione sbagliata del regolamento”

Le impressioni dell’avvocato Dini sugli episodi in Spal-Fiorentina

di Redazione VN

L’Avvocato specialista in diritto sportivo, nonché direttore sportivo Giulio Dini, intervistato da TMW, ha detto la sua sull’episodio di Spal-Fiorentina, che ha portato a cancellare la rete di Valoti per assegnare rigore alla Fiorentina:

Il problema della decisione di Pairetto non è il tempo trascorso, bensì l’interpretazione sbagliata del regolamento. Il tifoso pensa che il VAR debba segnalare il fallo non sanzionato ed effettivamente è stato fatto. Il problema è che la tecnologia deve e può intervenire solo in presenza di chiaro ed evidente errore e nel caso di Ferrara non c’è questa possibilità. Le direttive sono chiare e parlano di un intervento solo in caso di sviste gravi. Felipe arriva in ritardo su Chiesa, senza dubbio, ma l’attaccante viola aveva già ceduto il pallone. Bisogna rompere il meccanismo perverso secondo il quale il VAR ha più potere dell’arbitro in campo.

E INTANTO DA FERRARA NON SI DANNO PACE PER L’EPISODIO

Violanews consiglia

Frey difende Chiesa: “Non accetto di sentire che è un maleducato, simulatore, ladro”

Zazzaroni: “La Var ha agito bene. Chiesa? Per farlo restare non servono i soldi”

13 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Tagliagobbi - 3 mesi fa

    Siamo veramente al paradosso… roba da matti…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Antonio da Papiano - 3 mesi fa

    Chiaro ed evidente errore ???

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. bura_2831690 - 3 mesi fa

    Dopo quello dell’avvocato, manca il parere del farmacista e quello del prete

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. woyzeck - 3 mesi fa

    Accipicchia, quindi adesso questo genio del foro vorrebbe farci credere che la falciata di Felipe su Chiesa non era un chiaro ed evidente errore dell’arbitro? Quindi di grazia in cosa dovrebbe intervenire il VAR? Accoltellamenti sfuggiti allo sguardo del direttore di gara? Omicidi? Ma lui lo sa che in caso di gol sI va, giustamente, a rivedere tutta l’azione da cui è scaturito il gol? Eh si va di nulla, se questi sono gli esperti….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. lo spernacchiatore - 3 mesi fa

    Si può dire solo : avvocato dei miei stivali,senza offesa per nessuno!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Violaceo - 3 mesi fa

    Gobbo???????????

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. CippoViola - 3 mesi fa

    Secondo questo genio puoi prendere a cazzotti in area chiunque basta non abbia il pallone tra i piedi?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Stefano63 - 3 mesi fa

    Qui siamo al colmo. Questo sedicente avvocato, cosiddetto esperto di diritto sportivo, non conosce neanche il regolamento dello sport che pretende di conoscere. Il fatto che Chiesa si fosse già liberato del pallone non ha alcun valore. Se fai fallo in area di rigore, rimane comunque un fallo da rigore anche se fatto su un giocatore non piú in possesso del pallone. Poi francamente dire che non concedere un rigore solare non é una svista grave ed evidente, fa capire quanto sappia di calcio questo “esperto”. Mi piacerebbe che spiegasse cosa c’é di piú grave di un calcio di rigore non concesso in una partita di calcio. Il VAR é nato proprio per questo, non per altro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Gasgas - 3 mesi fa

    Ci mancava anche questo…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Ale 1926 - 3 mesi fa

    Il var è uno strumento utilizzato per vedere episodi gravi che l’arbitro durante l’azione nn vede, come per esempio il fallo su Chiesa. Quindi ha reso giusto, ciò che l’arbitro per svista stava sbagliando. Stop

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Aoi_Haru - 3 mesi fa

    Quindi secondo questo genio un rigore negato non sarebbe una svista grave. ‘Annamo bene.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. biongborg - 3 mesi fa

    E’ un avvocato e parla di interpretazione sbagliata del regolamento che è lui stesso a non aver capito. Il fallo in area è punibile con il calcio di rigore anche se commesso lontano dal pallone. Mi sembra abbia perso un’occasione

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. batigol222 - 3 mesi fa

    Può avere ragione in questo, il problema è che così torni a come era prima: l’arbitro può essere bnissimo comprato (o negligente nel migliore dei casi) e il VAR non viene mai chiamato perchè non è “scandaloso”. Quindi fai di nuovo come ti pare, chiedi il VAR per punire l’unghia di Hugo e non lo chiami per la trinciata in area su chiesa.
    Se si vuole evitare questo bisogna consultare il VAR per ogni contatto dubbio, esattamente come fanno adesso, e sanzionare tutti quelli che una volta rivisti sono effettivamente falli (come quello su chiesa). Certo sarebbe meglio evitare le sottigliezze tipo riga sfiorata o tocco di unghia ininfluente, ma capisco che non riescano a distinguere questi casi dagli altri e applichino il regolamento in modo fiscale.
    Ripeto, il VAR non può essere chiamato a discrezione ma per tutti gli episodi dubbi, poi l’arbitro decide in base a quello che vede sul monitor di fischiare il fallo o meno. Se non fai così puoi di nuovo falsare le partite come prima, anche peggio (applicando il VAR da una parte e non applicandolo dall’altra, a discrezione)

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy