Ancora Pioli: “Pezzella erede naturale di Davide. Con Lafont in porta sto tranquillo”

Ancora Pioli: “Pezzella erede naturale di Davide. Con Lafont in porta sto tranquillo”

Le parole di Pioli sul pareggio di Napoli. Il tecnico si sofferma sui singoli: Pezzella e Lafont

di Pier F. Montalbano, @____MONTY____

Nella sala stampa del Franchi, l’allenatore della Fiorentina Stefano Pioli ha parlato del match: “La prestazione c’è tutta, per spirito, generosità e voglia di superare un ostacolo difficile. Quando non vinciamo non siamo completamente soddisfatti, ma abbiamo incontrato l’avversario più tosto quest’anno. Siamo riusciti a non farli sempre giocare e la prestazione è positivo nel finale non abbiamo mollato. Il gruppo non si è arreso nonostante l’inferiorità numerica nel finale. Carattere? Stiamo trovando prestazioni e continuità, a volte affrontiamo avversari più forti di noi ma con questa voglia di stare insieme possiamo ottenere risultati. Arrivare dal sesto al decimo posto quest’anno sarà un niente: nel primo tempo dovevamo avere più coraggio e la personalità di giocare sotto pressione perché abbiamo giocatori in grado di farlo. Abbiamo fatto troppi passaggi indietro, mentre nella ripresa potevamo sfruttare meglio le occasioni”.

Su Pezzella e il cambio: “Non mi ero accorto del suo infortunio quando Simeone è entrato in campo. Pensavo avesse un problema risolvibile, ma sarebbe dovuto comunque uscire Mirallas. Pezzella è l’erede naturale per determinazione e attaccamento di Davide. L’anno scorso avevamo tre giocatori di personalità (insieme a Badelj n.d.r.), l’unico rimasto è German e sta gestendo questa situazione alla grande. E’ un gran giocatore e un uomo fondamentale, spero non resti tanto fuori per il suo problema.

Lafont? Ho sempre creduto che Alban avesse delle qualità importanti, non ha ancora 20 anni e dovrà crescere attraverso degli errori. Sta venendo fuori la sua personalità e il suo modo di stare in porta. Ho fatto il difensore, con Alban in porta sto tranquillo e anche lui lo è sempre di più. Non dimentichiamoci la lingua, la cultura e gli allenamenti diversi: deve continuare così. Il modulo di oggi? Se avessimo aspettato il Napoli e schierato una sola punta, avrebbero preso campo e con la linea difensiva nuova ce li saremmo portati nella nostra area. Forse Ancelotti non sia aspettava il nostro schieramento. A parte un paio di letture sbagliate di Hancko, la squadra ha retto bene”

vnconsiglia1-e1510555251366

Ancora Ancelotti: “Mancata freddezza, Lafont ha davanti un grande futuro”

Pioli: “Partita coraggiosa, abbiamo costretto il Napoli al lancio lungo costante”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy