Amoruso: “Che differenza in passato tra titolari e riserve. E Pioli deve ancora lavorare”

Amoruso: “Che differenza in passato tra titolari e riserve. E Pioli deve ancora lavorare”

L’opinione dell’ex giocatore della Fiorentina sul momento dei viola

di Redazione VN

Ai microfoni di Radio Bruno arrivano le parole dell’ex giocatore della Fiorentina Lorenzo Amoruso. Ecco cosa ha dichiarato sul momento dei viola, alla vigilia della sfida contro il Frosinone:

I cambi di una squadra devono essere all’altezza dei titolari. Dovrebbero esserci 20 giocatori intercambiabili. Tutti gli allenatori vogliono avere giocatori forti perché si alza anche il livello degli allenamenti. Se uno sa già di essere titolare, quando deve allenarsi tende a risparmiarsi. La Fiorentina in passato viveva questa situazione e la differenza tra titolari e riserve era abissale. Vedremo come andrà quest’anno, c’è ancora molto di lavorare mi sembra. Il feeling col compagno di reparto? Serve apertura mentale per capire cosa può andare bene a lui e a te. L’egoismo può tornare utile, ma tutto deve essere fatto nel nome della squadra. Il tempo ti fa migliorare. Giocare con qualcuno simile a te tutto viene molto più semplificato. Negli ultimi anni poi la lingua ha fatto la differenza. Io ho sempre trovato ottimi partner nelle difese in cui ho giocato.

Violanews consiglia

Occhio agli scivoloni

Pioli: “Vogliamo tornare a vincere, troppe critiche dopo la Roma. Mercato? Ne parleremo durante la sosta”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy