Accardi su Chiesa: “Spero diventi come Antognoni, ma come si fa a dire di no alla Champions?”

Accardi su Chiesa: “Spero diventi come Antognoni, ma come si fa a dire di no alla Champions?”

Le parole dell’agente di mercato Beppe Accardi su Federico Chiesa

di Redazione VN

L’agente di mercato Giuseppe Accardi ha parlato così di Federico Chiesa a Radio Blu:

Il problema dipende anche dalla volontà del giocatore. Un giocatore con le qualità di Chiesa o fa una scelta di cuore che lo porta a diventare bandiera della Fiorentina o le ambizioni lo portano a giocare la Champions League. Sfido chiunque a dire di no a un club che gioca questa competizione. Mi auguro che diventi come Antognoni, ma farsi delle illusioni è utopia. Se fa una scelta di cuore, è un messaggio per tanti altri giocatori.

vnconsiglia1-e1510555251366

Chiesa: “Sono felice qui, superati ostacoli. Prossimo anno? Scommettiamo per gli otto gol”

 

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Julinho - 5 mesi fa

    Agente di mercato. Appunto…. Tanti pesos poco spessore. A voi agenti di mercato occorre ogni anno fare un cambio casacca al rialzo ai vostri assistiti per aumentare il grano che vi entra nel vostro portafoglio. Usate tutti i mezzzi, leciti, poco leciti, dissuasivi, totalmente inmbonitori. Quando si parla di gente come Antognoni, ma perché no anche di Totti o di Maldini tanto per fare altri esempi ed essere meno partigiani, capisco subito che per voi agenti di mercato siano una vera jattura e siano da scongiurare ad ogni costo e a priori. Ma vuoi metterre… chi non vorrebbe giocare la Coppa dei Campioni (mi piace chiamarla ancora così) chi non vorrebbe prendere il grano che prendono i migliori (Messi, Ronaldo CR7, Neimar etc.), chi non vorrebbe avere tutto ciò che non è umanamente possibile? Ma per fortuna ci sono anche uomini, e qualcuno è un giocatore di calcio, che hanno valori che non sono acquistabili con nulla. Nè soldi, né benefit, né privilegi assoluti. Sono uomini veri, reali, grandissimi, intangibili che legano il cuore e la loro lealtà verso i tifosi e la città che decidono di “sposare” che per nessuna ragione al mondo penserebbero di lasciare o per dirla bene e come anche loro possono pensare di “tradire”. Chiamiamoli simboli piuttosto che uomini squadra o bandiere, chiamiamoli come ci pare ma sono coloro che guadagneranno certo meno ma che rimarranno immortali nella storia. Oltre lo sport, oltre i luridi quattrini, specie quelli guadagnati senza merito alcuno ma solo perché sei magari un misero agente di mercato. E i tifosi questi uomii, rari come le mosche bianche, li riconoscono subito e li legano a loro come un genitore si lega ad un figlio. Agenti di mercato fate perte di un mondo venuto sù così, dove queste perle di meraviglia non solo non le vedete ma non le riuscite nemmeno a pensare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. palo - 5 mesi fa

    Ecco bravo vola basso!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy