L’esperto del mercato cinese a VN: “Il Tianjin offrirà i 50 milioni per Kalinic”

L’esperto del mercato cinese a VN: “Il Tianjin offrirà i 50 milioni per Kalinic”

Gineprini: “Già trovato l’accordo col giocatore, nessuna offerta per Ilicic. Il prezzo della Fiorentina è…”

8 commenti

Nicholas Gineprini, autore de “Il sogno cinese. Storia ed economia del calcio in Cina” (Urbone Publishing), dai tuoi contatti hai novità in merito al possibile trasferimento di Kalinic in Cina?
“In base a quanto risulta dai media cinesi, confermo che il Tianjin sta cercando una punta, è aperta questa pista perché ha già trovato l’accordo col giocatore sui 10 milioni di ingaggio e prossimamente ne offrirà 50 alla Fiorentina. Come alternative all’attaccante della Fiorentina ha Defrel e Bacca mentre Diego Costa è una bufala. Lo Shangai ormai è fuori da questa trattativa perché ha già i suoi attaccanti”.
Notizie su interessamenti per Ilicic?
“No, non mi risulta. L’Hangzhou Greentown, di cui si è parlato in Italia, è retrocesso nella serie B cinese dove cambia radicalmente il numero degli stranieri tesserabili. Mentre in A sono 4 stranieri più un asiatico, in B sono tre indipendentemente dalla nazionalità. Inoltre non è nella filosofia dell’Hangzhou Greentown di strapagare un calciatore straniero dato che loro, più che altro, lanciano giovani dall’Academy”.
Gilardino e Diamanti rientrarono dalla Cina anzitempo rispetto ai contratti stipulati. Che cosa non funzionò?
“Per quanto riguarda Gilardino fu lui a non funzionare in campo dato che non era titolare mentre Diamanti più o meno aveva ben reso ma ebbe qualche problema di ambientamento in una Società che poi puntò su giocatori più importanti rispetto a lui”.
Ritieni possibile un interessamento di investitori cinesi verso la Fiorentina, considerando anche la comunità cinese in città e a Prato?
“Sicuramente la Toscana interessa moltissimo ai cinesi anche per il turismo cinese molto presente in tutta la regione. Si può considerare un interesse cinese in vista di un nuovo stadio dato che ultimamente la Cina sta investendo proprio su questi. Ne ha costruito uno in Gabon per la Coppa d’Africa e ne sta costruendo un altro in Qatar in vista del Mondiale del 2022. Gli investimenti sugli stadi servono per sbloccare altre vie diplomatiche e lo stesso potrebbe accadere per la Toscana. Vedo dunque possibile una sponsorizzazione per il nuovo stadio. Del resto anche per il nuovo stadio della Roma si era fatto il nome dell’Evergrande, ma poi non se ne è fatto più niente”.
Perché l’esperimento Pavia è fallito?
“A questo proposito sta fallendo anche quello del Den Haag in Olanda. Il presidente del Pavia Calcio aveva contemporaneamente avviato un progetto immobiliare a Milano ma la mancata promozione in Serie B del Pavia è stata decisiva perché ha significato un investimento senza un ritorno. Inoltre problemi burocratici hanno ostacolato la costruzione del nuovo stadio così il presidente del Pavia ha preferito abbandonare”.
A che punto è la ‘colonizzazione europea’ da parte dei cinesi?
“Possiedono 20 Società in Europa e una in Oceania, inoltre sono proprietari di Infront e main sponsor della FIFA, hanno MP Silva che gestisce la compravendita dei diritti tv all’estero e una partecipazione del 20% nella Gestifute (l’agenzia di Mendes) e nel fondo che controlla le squadre del Manchester City”.
Fino a quanto dureranno questi prezzi, fuori da ogni logica del nostro mercato?
“Per me non dureranno ancora tantissimo, perché nel 2016 il debito complessivo dei 16 club della Serie A cinese è stato pari a un miliardo di dollari. Le squadre che spendono tanto sono quelle che hanno proprietà, come quella di Gervinho e Lavezzi, con profitti enormi. Il calcio cinese segue in ritardo lo sviluppo economico della Cina, quindi rallenterà per evitare lo scoppio di una bolla speculativa”.
A tuo avviso, che prezzo potrebbe avere la Fiorentina?
“La Fiorentina potrebbe essere una squadra interessante per i cinesi. Se il 70% dell’Inter è costato 240 milioni, per il 100% della Fiorentina mi azzarderei a dire dai 100 ai 150 milioni”.

8 commenti

8 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. GianBurrasca - 8 mesi fa

    non mi pare che vi intendiate troppo di valutazioni societarie, fate chiacchiere da bar!!
    il valore lo fa solo e soltanto il bilancio!!
    che si chiami “ACF Fiorentina” oppure “Pizzeria di Mario Rossi” parlano solo i numeri e quelli dicono:
    2016: ?
    2015: – 15 mln
    2014: – 37 mln
    2013: + 1,5 mln
    2012: + 1,3 mln
    2011: – 32,5 mln
    2010: – 9,6 mln

    Spendereste voi 100/150 mln per

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. GianBurrasca - 8 mesi fa

      * questa attività?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. EDISON - 8 mesi fa

    Se la Braccini € Braccaletti si accontentasse di 150 milioni la Fiorentina sarebbe stata venduta da quel po’. Ma ne vogliono 300

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Bollero - 8 mesi fa

    100/150 milioni per tutta la società e 50 per un giocatore ? Vaiaiaiaia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. wellys2@mail2italy.com - 8 mesi fa

    La domanda è questa: se sono disposti a pagare un buon giocatore 50 milioni, com’è possibile che l’intera società valga, secondo questo personaggio, 100-150 milioni ? Kalinic vale come mezza squadra ?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. verotifosoviola - 8 mesi fa

      Meno male qualcuno che ancora sa fare di conto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Bamba - 8 mesi fa

    50 milioni per un campione scintillante come Kalinic? Allora Battistutta quanto doveva pagarcelo la Roma? 1 miliardo? Vorrei ricordare che un giocatore opaco come Pogba il Mancester Iunaited lo ha pagato 100 milioni… per carità, per la nostra società di braccini sono tanti soldi, ma ormai il mercato si fa con cifre molto più alte.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. ForzaViolaAntognoniunico10 - 8 mesi fa

    Subito
    50 milioni sono tanti
    Io prenderei calleri
    Forza Viola

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy