Viviano: “Per noi fiorentini c’è solo Firenze”. Poi torna sulla sua esperienza in viola

Viviano: “Per noi fiorentini c’è solo Firenze”. Poi torna sulla sua esperienza in viola

“All’inizio c’è stata tanta ansia e sentivo le responsabilità, ma ho vissuto delle emozioni incredibili. La gente rivedeva in me il giocatore fiorentino”

di Redazione VN

A seguire vi riportiamo uno stralcio dell’intervista rilasciata dall’ex viola Emiliano Viviano a lospallino.com: “Ho sempre giocato in porta ma il mio idolo da ragazzino era Rui Costa. Ricordo che frequentavo insieme a mio fratello la curva della Fiorentina. L’essere fiorentini? Siamo inconfondibili, ci piace prenderci in giro dalla mattina alla sera. Senza un motivo, solo per il gusto di ridere. Per noi esiste solo Firenze, si parla solo di Firenze ed è sicuramente un vantaggio per me essere allenato da Semplici, mio concittadino. A volte solo io capisco una sua battuta e viceversa. Ogni tanto, a dire il vero, deve sopportarmi… Non ho rimpianti in carriera e mi sono trovato bene ovunque. Ho giocato in piazza fantastiche ed ho pure esaudito il sogno della mia vita, giocare nella Fiorentina.

Com’è giocare contro la mia squadra del cuore? Ho esordito in Serie A proprio contro la Fiorentina, pensa te che casualità. Ho passato tante domeniche in curva a tifare viola, mi alzavo presto al mattino e partivo con mio fratello per essere allo stadio due ore e mezza prima dell’inizio della partita. Quindi giocare per la squadra della mia città era un sogno. All’inizio c’è stata tanta ansia e sentivo le responsabilità, ma ho vissuto delle emozioni incredibili. La gente rivedeva in me il giocatore fiorentino che mancava da una vita in maglia viola. Poi piano piano ho fatto l’abitudine e anche da avversario lo stato d’animo è sempre stato simile.

Non ho mai raccontato balle sulla mia fede calcistica, ma in campo mi sono sempre comportata da professionista. Rimane il fatto che io resterà tifoso della Fiorentina per il resto della mia vita, quando finisco di giocare la prima cosa che faccio è andare a vedere cos’ha fatto la viola. Domenica deve vincere la Spal ma spero che la Fiorentina vinca tutte le altre partite. Non vedo l’ora di scendere in campo perché rivedrò tanti ragazzi che conosco da vent’anni, gente che mi ha visto crescere e che è contenta per me”. PIOLI HA PRESENTATO COSI’ LA GARA IN SALA STAMPA

Violanews consiglia

Renzi: “Ho la Fiorentina tatuata dentro. Chiesa? È il simbolo del nostro calcio, più di Zaniolo”

Pioli, l’Atalanta e una polemica più che giusta: cara Lega Serie A, non ci siamo

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Pepito4ever - 3 mesi fa

    eh lo so Emiliano, domenica anch’io la penso come te pensi davvero:” tanto la Spal si salva lo stesso spero vinca la Fiorentina e che vinca anche tutte le altre partite”……..Uno d Noi! poi quello che hai detto è sacrosanto da fiorentino indossare la maglia viola, uscire dagli spogliatoi ed entrare in campo con la Curva Fiesole alle spalle deve essere un’emozione inebriante, comunque fortissima e forse a parole nemmeno tanto rende l’idea….FVS

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy