Malesani: “I social mi hanno rovinato, non sono stato giudicato per il lavoro che ho fatto”

Malesani: “I social mi hanno rovinato, non sono stato giudicato per il lavoro che ho fatto”

In un’intervista al Corriere dello Sport, l’ex allenatore della Fiorentina dice: “Anche se mi sbeffeggiano, resterò sempre un allenatore”

di Redazione VN

E’ l’ultimo allenatore ad aver portato la Coppa Uefa in Italia, con il Parma. Ma non ha fatto bene soltanto in Emilia. “A Firenze, ad esempio, ci siamo divertiti, e a Bologna abbiamo ottenuto una salvezza insperata, senza avere una società alle spalle”, racconta Alberto Malesani al Corriere dello Sport. Ma adesso lui è finito nel dimenticatoio, e questo non lo accetta. Senza peli sulla lingua, come sempre, racconta il suo pensiero. “Credo di aver lavorato bene, con spunti avveniristici ed idee innovative e non quelle trite e ritrite delle quali sento sempre parlare. Il calcio è una ricerca quotidiana e magari non avendolo saputo spiegare sono diventato famoso più per le cavolate dei social che per il mio lavoro. Mi hanno rovinato in questo modo. Pensavo di meritare una conclusione migliore della mia carriera, probabilmente ho sbagliato alcune scelte, non avrei dovuto accettare certe squadre. Io opinionista? Non ce la faccio a criticare gli altri tecnici in tv”.

Violanews consiglia

Ex viola Sepe, l’agente lo promuove: “Può dare qualcosa anche alla Nazionale”

Pioli pensa al Cagliari: Mirallas recuperato e titolare contro i sardi?

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. dave.087_273 - 2 mesi fa

    Mi ricordo ancora un Fiorentina Juventus 3-0 con Malesani in panchina e i titoli dei giornali il giorno dopo 3-0 Bastonati !!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Fra - 2 mesi fa

    Comunque la si pensi, una delle Fiorentine piu belle che ho visto giocare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Mezio Fufezio - 2 mesi fa

      Perfettamente d’accordo. Attaccava benissimo e difendeva bene nonostante spesso giocassero contemporaneamente Oliveira, Batistuta, Edmundo e Rui Costa.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy