Inizia il campionato: finisce il diritto di cronaca?

Inizia il campionato: finisce il diritto di cronaca?

Un articolo tratto dal sito usigrai, il sindacato dei giornalisti della Rai

di Redazione VN
diritti tv serie A

La Fiorentina che fa incontrare il tecnico Sousa solo ai giornalisti della carta stampata. Il Napoli che comunica che alle proprie conferenze stampa si potrà accedere solo su invito. Il campionato d calcio 2016/17 non è ancora iniziato, ma già si percepiscono le avvisaglie di un’altra stagione nella quale la libertà di cronaca sarà sempre più ridotta.

Si è cominciato qualche anno fa appaltando tutta le immagini a Infront (ora Wanda Sports, anch’essa come Milan e Inter diventata cinese). In pratica, non solo le partite, ma anche il pre e il post sono ad esclusivo appannaggio di Infront. Si è proseguito con la regia unica gestita dalla Lega calcio (coi rischi che abbiamo visto un anno fa nella supercoppa di Shangai trasmessa dalla Rai con, pessima, regia cinese).

Dallo scorso anno le conferenze stampa pre partita degli allenatori sono vendute alle TV che ne facciano richiesta. Ora, come abbiamo visto con Fiorentina e Napoli, una ulteriore stretta, con incontri riservati non a chi è regolarmente iscritto all’Ordine, ma con limiti decisi dalle società sportive.

Contro i divieti viola si sono espressi, con una comunicato stampa unanime, le testate online che, stupite, parlano di “ennesima discriminazione tra i diversi operatori dell’informazione” e di “una violazione del diritto di cronaca e una mancanza di rispetto per i tanti tifosi che si rivolgono a web, radio e TV per informarsi sulla squadra”.

Dopo la decisione del Napoli di aprire le porte dei propri incontri stampa solo ad inviti (come fosse un party esclusivo…) sono intervenuti l’Ordine dei Giornalisti e il Sindacato dei giornalisti della Campania e l’Ussi che ricordano “la partecipazione alle conferenze stampa, dell’allenatore o della Società, va sempre garantita a tutto il mondo dell’informazione, carta stampata, tv, radio e siti web, in ossequio al fondamentale principio democratico del pluralismo informativo e contro ogni forma di discriminazione”.

L’Usigrai da tempo denuncia le difficoltà dei giornalisti di seguire gli eventi sportivi, sempre più incanalati tra marketing e vendita di diritti. L’interesse pubblico di ciò che succede dentro e fuori dal sport è evidente a tutti. Dobbiamo insistere perché i tifosi (e, perché no, chi investe in Borsa , visto che alcune società sono quotate) possano avere accesso alla più ampia informazione possibile.

8 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. kk53 - 2 anni fa

    Inizia il campionato e c’è subito chi si sente in diritto di fare la vittima,ma su questo sito siamo ormai avvezzi,le puzzole sono meno scontrose,non ci vedo niente di sconvolgente,troppo facile sputare nel
    piatto i cui mangi,e se qualcuno si è rotto di questa situazione è più che
    legittimo….chi semina vento raccoglie tempesta!!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. ELROND - 2 anni fa

    Il calcio italiano è diventato uno scandalo, appoggiato dai poteri pubblici!

    I tifosi e lo stadio:
    Un tempo entrare allo stadio era un piacere, oggi sembra di essere alla security dell’aeroporto.
    Controlli inutili fra l’altro. Levano il tappo alle bottiglie, però uno può tranquillamente entrare col coltellino nascosto nel taschino.
    Nessuno che canta o che contesta. La curva è totalmente passiva. Sento gente che chiacchiera tutto il giorno di calcio e poi la domenica sta zitta seduta sul seggiolino col cuscino sotto il sederino.

    Le TV:
    Potevano essere una risorsa, le hanno fatte diventare le padrone del calcio tutto. Mai nessuno che lo dice! Mai na voce fora dal coro!

    Società, procuratori e dirigenti:
    Sono diventati asserviti al dio del bilancio. Il Cecco il grano ce lo cacciava sempre a prescindere, oggi risparmiano pure sugli aghi per ricucire le maglie. Poi però regalano i milioni ai Valero di turno.
    I procuratori in tutto questo sono degli sciacalli. Date al Gomez un procuratore come si deve…poi vedi se non ti segna 30 gol a campionato. Quello che c’ha ora è interessato solo ai soldi. Un vero procuratore avrebbe fatto irruzione in società chiedendo il cambio di modulo il giorno stesso in cui il Gomez fu relegato in panchina la prima volta. Invece ha lasciato che la società facesse a modo suo.
    Il Baggio non ha mai giuocato fuori ruolo!!!

    Trofei:
    Vincono sempre le stesse…le altre, tipo noi, non hanno voglia di vincere e si nascondono dietro l’alibi scadente del bilancio…La storia si fa oggi, non col passato!! Col passato ci fai una cena leggera!!!
    La Juvincente, mentre noi giuocavamo la roboante Champions League, lottava per tornare in serie A…dieci anni dopo loro quella Champions loro la vinceranno a breve, noi siamo peggiorati e basta. Hanno vinto lo Scudetto con Simone Pepe titolare!! Con i nostri giocatori vincerebbero lo stesso, il resto sono scuse!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Luca di Lucca - 2 anni fa

      Tante parole ma confuse. Ve la immaginate l’assemblea dei procuratori il venerdi’ per decidere il modulo e la formazione! Per inciso Baggio fu costretto a giocare tutta la seconda parte della carriera da seconda punta e in squadre di mezza classifica.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Ale 1926 - 2 anni fa

    Tutto quello che succede fuori dal campo di calcio, è marketing… questo, cosa ha a che vedere con la passione dei tifosi? niente… il disinnamoramento non nasce dalle campagne acquisto dei Della Valle, ma da tutto un movimento che negli ultimi anni, ha raggiunto e superato il limite della decenza morale e materiale… io amo la Fiorentina e la seguirò come sempre nella mia Fiesole, sognando qualcosa che non accadrà mai; ma almeno quello me lo concedo e nessuno potrà mai comprare il mio cuore… Fireze ti amo…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. rudy - 2 anni fa

    Bisogna dire che si sta assistendo ad un dilagare di soggetti che, spacciandosi più o meno per giornalisti (molti credo siano solo pubblicisti), si occupano di squadre di calcio che fra poco per allestire una conferenza stampa bisogna affittare una sala cinematografica.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Drak - 2 anni fa

    Esistono regole e margini di manovra, per le società e per i giornalisti, più o meno associati. Imparate a manovrare e disimparate le lamentazioni funebri. Ci sono i principi e ci sono le regole, se ci sono problemi, appellatevi agli uni e fate rispettare o impegnatevi a far modificare le altre, se ne avete la possbilità. Ai giornalisti spesso piace fare i vati e gli illuminati con i soldi altrui, e le società si sono legittimamente stufate. Se ai giornalisti non piace l’andazzo, beh, manovrassero, guadagnandosi la pagnotta. E’ grazie alle società di calcio che mangiano. E’ giunta l’ora di guadagnarsi la pagnotta adottando nuove strategie. Fate lavorare la fantasia, come fate quando vaticinate da illuminati del calcio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. peponio2 - 2 anni fa

    forse con i vostri commenti obbiettivi e benevoli, non avete aiutato la società viola ad avere verso di voi un occhio di riguardo.
    adesso godetevene le conseguenze!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. cesarecp - 2 anni fa

      bravo! così si fa. si chiama metodo erdogan.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy