Il cammino di Lafont, l’apprendista gatto. E Caputo ancora non ci crede

Il cammino di Lafont, l’apprendista gatto. E Caputo ancora non ci crede

Ieri il francese ci ha messo lo zampino, ma sarebbe sbagliato dimenticare in un sol colpo gli errori di questo suo inizio di stagione e le insicurezze palla al piede

di Stefano Niccoli, @stefanoniccoli3

Una completa sicurezza alla difesa ancora non la dà, i miglioramenti da fare sono ancora tanti, ma non c’è dubbio che Alban Lafont abbia dato un contributo fondamentale alla vittoria di ieri. Il francese ci ha messo lo zampino. Anzi, la manona, la destra per la precisione. Sì, perché la parata su Ciccio Caputo entra di diritto nella categoria “miracoli”. Balzo felino e palla respinta lateralmente. L’attaccante dell’Empoli, imbeccato da un delizioso assist di Krunic, stava già per esultare, ma l’urlo di gioia gli è rimasto in gola.

Lafont come un gatto. Il suo gesto tecnico è stato impressionante considerando la forza e la vicinanza del tiro e i suoi 193 centimetri di altezza. Per un portiere così alto, si sa, non è mai semplice andare velocemente a terra con le gambe e deviare il pallone con forza. Era il 76’ minuto: sarebbe stato il 2-2. La Fiorentina, probabilmente, avrebbe preso paura, lo stadio cominciato a fischiare, con l’Empoli in forcing nell’ultimo quarto d’ora di gioco alla ricerca del colpaccio. Molto spesso, però, nel calcio vale la regola del “gol sbagliato, gol subìto”. Dalla possibile rete del pareggio, Caputo ha datò il là al contropiede della Fiorentina terminato alla perfezione da Dabo. La partita, di fatto, è finita con quella rasoiata, al 77’. Un tris liberatorio che ha permesso alla squadra viola di vivere senza patemi gli ultimi istanti di gara. La classica legge del contrappasso ha dato i suoi frutti anche ieri: nel primo tempo, infatti, era stato l’Empoli a passare in vantaggio sessanta secondi dopo l’errore di testa di Vitor Hugo.

Non è, però, tutto oro quel che luccica. Sarebbe sbagliato dimenticare in un sol colpo gli errori di questo suo inizio di stagione e le insicurezze palla al piede viste anche ieri. Alzi la mano chi non si è preso uno spavento in occasione del contatto con Caputo al 33’. Fortunatamente è stato Lafont ad arrivare per primo sul pallone. In caso contrario il rigore sarebbe stato sacro santo e non avrebbe fatto altro che alimentare le critiche sul suo conto. E ALBAN INCASSA I VOTI PIÙ ALTI IN PAGELLA

Violanews consiglia

Iachini: “Pagato caro l’infortunio a Bennacer. Lafont ha evitato il pareggio con una grande parata”

 

 

7 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. rudy - 3 mesi fa

    Di ieri basterebbe citare le papere di Allison e Olson per lasciare in pace Lafont.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. BlandoTifoso - 3 mesi fa

    Un pochino di equilibrio nelle cose ci vorrebbe, non era un pacco ieri non è un fenomeno oggi.. è un portiere giovane con grandi aspettative (il materiale grezzo c’è e ieri si è visto un riflesso cosi in pochi ci arrivano) ma è anche giovane e ci stà che farà altri errori marchiani… Se si crede in lui va fatto crescere e protetto anche se fa qualche cavolata.. altrimenti va venduto. Ma smettiamo di tormentare i giovani.. che qui si rasenta il paradosso, ci si arrabbia se non li fanno giocare, ma poi se giocano si criticano subito se fanno un errore.. Il portiere poi è come l’attaccante si da il meglio dai 25-30 quando si abbina le doti atletiche ad un bel bagaglio di esperienza e di mestiere.. questo ha 20 anni.. e già pensate di avere un portiere forte e che non commette errori.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Luigi Barzini - 3 mesi fa

      Concordo con te e mi dispiace che i cronisti, non appena ne ahnno l’occasione, vadano a ricercare errori che tanti portieri fanno senza considerare quello che giustamente dici. E’ giovane ha del potenziale lasciamolo lavorare e incitiamolo a fare sempre meglio, le critiche non aiutano nessuno specialmente i giovani.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. user-2073653 - 3 mesi fa

      Parole sante.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Popeye FVS - 3 mesi fa

    Il gatto Lobont?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. user-2073653 - 3 mesi fa

      Sono usciti portieri peggiori, dal cilindro del Mago del Salento…Lobont non lo ricordo così terribile.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. L'Omino di Ferro - 3 mesi fa

        A me piaceva molto quel matto di Boruc, purtroppo arrivò nel contesto di una squadra assurda con Mihajlovic e Delio Rossi … Ricordo che fece dei miracoli a Roma e Milano (2-1 in entrambe le occasioni) e ci permise di fare sei punti in trasferta che ci salvarono dalla B.

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy