Capitolo razzismo, Ancelotti: “Il calcio italiano non è cambiato, anzi”. E Gravina…

Capitolo razzismo, Ancelotti: “Il calcio italiano non è cambiato, anzi”. E Gravina…

Il tecnico del Napoli è tornato a parlare dei recenti episodi, mentre il presidente della Figc ha spiegato le prossime mosse a livello organizzativo

di Redazione VN

“Il calcio italiano non è cambiato, è sempre caratterizzato da gente maleducata ed incivile. Anche l’altra sera abbiamo assistito a Bologna ad insulti e provocazioni verso un giocatore di vent’anni (lo juventino Kean, n.d.r.). Ho avuto la fortuna di stare all’estero per nove anni e queste cose fuori dall’Italia sono state debellate”. Così Carlo Ancelotti nel corso di un intervento all’Università Vanvitelli di Napoli, dove ha tenuto una lezione sulla gestione del gruppo in una squadra di calcio. In giornata si è poi aggiunto in merito alla questione anche il parere di Gabriele Gravina, presidente della Figc: “Nel prossimo Consiglio federale di fine mese semplificheremo l’iter di sospensione delle gare previsto dall’articolo 62 delle Noif – dice alla Gazzetta dello Sport – e contestualmente all’annuncio dello speaker, il gioco verrà temporaneamente sospeso con le squadre che si raduneranno al centro del campo. Se i cori continuano, si va negli spogliatoi. A quel punto il responsabile dell’ordine pubblico deciderà se sospendere o riprendere la gara”.

Violanews consiglia

Mourinho da urlo: sarà commentatore della Premier per 64mila euro a partita. Ma con una clausola…

Il calendario della Fiorentina: arriva la Samp, poi Verona e nuovamente in Coppa Italia

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy