Allegri: “E’ stata una battaglia, non abbiamo giocato di fioretto. Vittoria meritata”

Allegri: “E’ stata una battaglia, non abbiamo giocato di fioretto. Vittoria meritata”

La Juventus non si ferma: il commento di Allegri

di Stefano Niccoli, @stefanoniccoli3

Il tecnico della Juventus, Massimiliano Allegri, ha parlato così in conferenza dopo la vittoria per 3-0 sulla Fiorentina:

“I giocatori hanno giocato una bella partita, è stata corretta, il pubblico è stato meraviglioso. Bello anche il gesto di Chiellini, è stato il gesto più importante, ancor di più di quelli tecnici, speriamo di recuperare le buone maniere.

Conoscevamo le difficoltà della partita, dopo qualche minuto abbiamo preso il comando del gioco e abbiamo meritato il vantaggio. Nella ripresa abbiamo consegnato la palla alla Fiorentina nei primi dieci minuti, ma poi abbiamo ripreso a giocare. La vittoria è meritata.

Pjanic? Era un po’ bollito, per questo l’ho lasciato in panchina. Dopo il 2-0 abbiamo ripreso a giocare e così non ho voluto rischiare inserendolo.

Dybala? Si è sacrificato molto e ha avuto le occasioni per segnare. Alza la qualità della squadra perché gioca tra le linee.

Ronaldo? Lo dovevo togliere prima, poi ha fatto gol. Anche lui ha bisogno di recuperare.

Mi aspettavo una Fiorentina così, nel primo tempo ha fatto bene sul piano agonistico, noi siamo stati bravi a metterci sul loro piano, quando c’è da battagliare, c’è da battagliare. Non abbiamo giocato di fioretto, è stata una battaglia calcistica, era giusto giocare così.

Le scritte sull’Heysel e su Scirea? E’ questione di educazione, si infangano situazioni che non devono essere infangate. La partita è stata bella, la cornice di pubblico è stata meravigliosa. Chi ha fatto le scritte non dico debba essere arrestato, ma quasi. A volte vedo che i genitori buttano i figli contro i pullman delle squadre, bisogna darsi una regolata”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy